lunedì 10 febbraio 2014

Strisce Led 3014 vs 5050 vs 5630

Nel febbraio del 2012 ho montato per la prima volta delle strisce a led. Da allora sono passati due anni ed un paio di generazioni di questi prodotti.
Neon - LedStrip5050 - LedStrip3014
Neon - LedStrip5050 - LedStrip3014
Nel 2009 installai, sopra una libreria, due tubi fluorescenti da 36w con tonalità di luce 4000°K per illuminare una stanza tramite luce indiretta.


I tubi al neon erano alimentati tramite dei reattori classici ferromagnetici (ballast elettrici), questi reattori hanno il difetto di emettere un caratteristico ronzio a bassa frequenza che può risultare fastidioso in ambienti molto silenziosi ed inoltre presentano delle perdite energetiche anche del 40-50%. Quindi il consumo complessivo era circa (36+36)+40%=100.8w

I risultati di illuminazione erano buoni, ma quando a fine 2011 i neon hanno iniziato a fare meno luce, ho cercato un modo per contenere i consumi energetici.

Un tubo fluorescente da 36w ha una lunghezza di 120cm ed emette circa 3000lm con un efficienza energetica di 83lm/w che scende a 59lm/w usando i reattori classici, o a 75lm/w se si usano i più efficienti ma costosi starter elettronici.

In quel periodo iniziavano ad essere messi in commercio i primi tubi lineari contenenti dei led (led tubes), che avevano le stesse dimensioni dei tubi fluorescenti lineari, stesso attacco G13, ma venivano alimentati direttamente con la tensione di rete 220v alternata. Il classico neon da 36w veniva sostituito da un tubo a led da 22w che emetteva 1650lm (75lm/w). Nonostante i lumen emessi fossero la metà, la luce percepita era solo di poco inferiore. Infatti nei tubi a led si ha un'emissione di luce solo da un lato, mentre nei tubi fluorescenti la luce viene emessa a 360° venendo per metà quasi sprecata. Il problema di quei tubi a led era il loro costo proibitivo.

Attualmente vengono prodotti dei led tube (ad esempio l'Osram ST8-HA4 20W/840 1200mm) che con soli 20w emettono 2200lm (110lm/w) ed hanno le dimensioni dei classici neon da 36w. I prezzi sono scesi, ma attualmente per uno di questi led tube di buona qualità occorrono almeno 50euro. Se i prezzi scenderanno ancora e migliorerà ulteriormente lo spettro di emissione, non avrà più senso comprare i classici tubi al neon.

Torniamo al 2011, le scelte possibili erano: o la sostituzione dei reattori tradizionali con dei ballast elettronici o provare le led strip. In entrambi i casi si trattava di spendere sui 50euro, ho scelto quindi di provare i led.

Le informazioni erano molto poche e provenienti principalmente da forum di persone che avevano iniziato a fare i primi esperimenti con queste strisce negli acquari. Era molto difficile districarsi nei vari prodotti, anche perché spesso i venditori non facevano altro che prendere le specifiche di alcuni prodotti e ricopiarle senza nessuna verifica. Il risultato era che la descrizione del prodotto in vendita non poteva essere presa minimamente in considerazione. La situazione, purtroppo, non è cambiata. Il caos regnava anche nei prezzi, infatti le stesse bobine da 5 metri che si potevano acquistare su ebay direttamente dalla Cina o da Hong Kong per 25euro, si potevano trovare nei siti online italiani ad un prezzo anche dieci volte superiore. Discorsi simili valgono anche oggi, ma con l'aggravante che essendoci state varie generazioni di led può capitare in Italia di comprare a caro prezzo un prodotto superato e spacciato per ultima novità.

Sappiamo che il modo ideale per alimentare un led è tramite un generatore a corrente costante; ma, per contenere i costi, in queste strisce non vi è nulla di tutto questo. Le strisce a led (o led strip) non sono altro che delle lunghe strisce di rame con delle resistenze e dei led di tipo SMD (Surface Mounting Device). Per l'alimentazione basta collegarle ad un generatore di tensione costante di 12v, tuttavia raramente se ne possono trovare alcune che richiedono una tensione di 24v.
Le strisce a led sono tagliabili ogni 3 led, infatti questi sono collegati in serie ogni 3. La resistenza serve per limitare la corrente assorbita da ogni led e quindi fare da rudimentale alimentatore a corrente costante, in tal modo si ha il vantaggio di dover aggiungere ai led solo un componente piccolissimo e dal costo trascurabile, ma lo svantaggio di avere una minore efficienza rispetto ad un generatore di corrente costante.

In quel periodo, la scelta era tra strisce con led 3528 o 5050, in realtà quel numero non indica un particolare led fatto da un solo produttore, ma indica solo le dimensioni dell'involucro esterno in decimi di millimetro. Tale involucro viene detto "chip" o genericamente "package" in inglese, il "die" invece è la parte interna che effettivamente emette la luce. Quindi un led 3528 ha dimensioni 3.5mm per 2.8mm; mentre un led 5050 visto dall'alto è un quadrato di lato 5mm.
Ma, come detto, non è possibile conoscere esattamente il tipo di led che viene montato in queste strisce, ho notato infatti che vi sono lievi differenze anche acquistandole dallo stesso venditore ma in tempi diversi. Si può solo fare una certa stima ed illustrarne le caratteristiche di massima in base alla classe di led montati. Molti venditori dicono di montare led prodotti da una certa ditta (Samsung, Seoul Semiconductor, Epistar, Bridgelux, o addirittura CREE), ma non è possibile verificarlo ed è poco realistico pensare di trovare in queste strisce un led costoso come quelli prodotti dalla CREE.
Le strisce a led 3528 sono state le prime ad essere prodotte, in ogni chip vi è un solo led, e per la versione da 60led al metro si ha un consumo di circa 3w ogni metro di striscia. Queste strisce vi sono anche nel formato 120led/m con un consumo da 6w/m. Non ho scelto queste strisce, poiché la luce emessa era troppo debole, pensata per decorare gli ambienti più che illuminarli pienamente.
Prime Led Strip 5050 NW Bruciate
Prime Led Strip 5050 NW Bruciate
Nelle strisce a led 5050 in ogni chip vi sono 3 led (3 die) e quindi il chip ha ben 6 contatti e non 2 come nel caso precedente. La luce emessa ed il consumo è triplo rispetto alle strisce a led 3528. Nella descrizione di queste bobine vi era indicata una potenza assorbita di 72w. La realtà misurata era ben diversa, ecco i valori reali che ho ottenuto:

Led strip 5m 300led 5050 (60led/m) waterproof by Jeledhk:
Resistenza su 5.0m=2.0ohm V=12 A=2.13 w=25.6
Resistenza su 2.0m=0.9ohm V=12 A=1.48 w=17.8
Resistenza su 1.5m=0.8ohm V=12 A=1.15 w=13.8
Resistenza su 1.0m=0.6ohm V=12 A=0.76 w=09.2
Resistenza su 0.5m=0.5ohm V=12 A=0.43 w=05.1

Come si nota, se si collega una sola estremità della striscia da 5m all'alimentatore, si ottengono solo 25w! Mentre considerando vari spezzoni da 50cm alimentati singolarmente, si ottiene un consumo totale di 51w. Si ha questa differenza poiché, per risparmiare, vengono usate delle piste di rame estremamente sottili e che hanno un'elevata resistenza. Tale resistenza causa una caduta di tensione lungo la striscia che fa si che i led emettano sempre meno luce mano a mano che ci si allontana dall'alimentazione.
Nelle descrizioni si leggono valori di lumen molto elevati, ma spesso sono cifre molto gonfiate e che forse si riferiscono ai led alimentati alla loro massima tensione sopportabile. Nella pratica, ho notato che se si vuole un'idea approssimativa di quanta luce viene emessa basta moltiplicare il consumo di queste strisce per cinque e si ottiene il valore di un'equivalente lampada ad incandescenza. Ad esempio 50cm di queste led strip consumano 5w e fanno la stessa luce di una lampadina ad incandescenza da 25w.

Le prime strisce a led che ho montato sono state le 5050 da 60led/m con rivestimento waterproof IP65, tale sigla indica che si ha la protezione contro i getti occasionali di acqua, ma non è possibile immergere queste strisce in acqua. La protezione waterproof è ottenuta versando una plastica trasparente sulla striscia, purtroppo questa protezione riduce ancora di più la dissipazione di calore e diventa opaca con il passare del tempo, rovinando anche i led. Nonostante fossero montate su un supporto di metallo, ho dovuto sostituire le strisce 5050 waterproof dopo 1anno, poiché la luce emessa si era ridotta troppo.


A luglio 2013 erano da poco stati presentati dei chip led 5630 da parte di Samsung che promettevano un'efficienza ancora maggiore, ed inizialmente erano disponibili solo in tonalità Neutral White. Ricordo che la temperatura colore più calda, anche detta Warm White, corrisponde alla luce emessa dalle lampade ad incandescenza tradizionali (circa 2700°K); la temperatura colore intermedia è detta Neutral White o Natural White (circa 4000°K); quella più fredda è detta Daylight (circa 6500°K). Cool white è un termine ambiguo perchè indica una temperatura colore dai 4000°K ad oltre 7000°K.
Ecco i valori reali che ho ottenuto:

Led strip 5m 300led 5630 NW (60led/m) waterproof 1cm larga:
5.0m= V=12 A=2.67 w=32.0
2.0m= V=12 A=1.86 w=22.3
1.5m= V=12 A=1.48 w=17.7
1.0m= V=12 A=1.08 w=13.0
0.5m= V=12 A=0.60 w=07.2

Si nota quindi che ogni singolo chip 5630 consuma il 40% in più rispetto al chip 5050, quindi bastano meno led per illuminare allo stesso modo una stanza. Ho notato anche una miglior efficienza di questi chip, ma la luce emessa non era altrettanto buona e tendeva al blu, evidentemente l'indice CRI (http://it.wikipedia.org/wiki/Indice_di_resa_cromatica) era inferiore. Il grave problema di questi led è che generano molto calore e quindi si deteriorano molto rapidamente, in soli sei mesi si sono spenti quasi del tutto.
Led Strip 5630, decadimento con il passare tempo
Led Strip 5630, decadimento con il passare tempo

Ho provato anche le strisce 5630 NON waterproof in tonalità Warm White, pensando che la luce sarebbe stata migliore e che senza la guaina protettiva sarebbero durati di più. Purtroppo la luce era pessima poichè troppo gialla ed anche questi hanno sofferto del rapido decadimento a causa del calore elevato. Ecco i valori che ho misurato:
Led strip 5m 300led 5630 WW (60led/m) NonWaterproof 1cm larga:
5.0m= V=12 A=2.67 w=29.0
2.0m= V=12 A=1.68 w=20.1
1.5m= V=12 A=1.40 w=16.8
1.0m= V=12 A=0.95 w=11.4
0.5m= V=12 A=0.54 w=06.5

Si ha una diminuzione del consumo di circa il 10% rispetto ai chip NW, mentre ad occhio l'efficienza mi è sembrata la stessa. In definitiva sono dei led da sconsigliare vivamente.

Infine ho ho provato le led strip con led 3014 in tonalità WW e NW, entrambe con 120 led al metro e di tipo "Non Waterproof". I led in formato 3014 e 2835 hanno il vantaggio di avere un dissipatore di calore (heat sink) attaccato al chip, i precedenti formati (3528, 5050, 5630) invece ne sono privi. Le strice con led 3014 e 2835 sono le ultime strisce a led introdotte sul mercato. Attualmente ho in funzione quelle con led 3014, scaldano meno delle strisce viste in precedenza e sembrano quelle migliori. Ecco i valori che ho misurato:
Led strip 5m 600led 3014 WW (120led/m) NonWaterproof 8mm larga:
5.0m= V=12 A=2.75 w=33.0
2.0m= V=12 A=1.85 w=22.2
1.5m= V=12 A=1.54 w=18.5
1.0m= V=12 A=1.06 w=12.7
0.5m= V=12 A=0.57 w=06.8

Led strip 5m 600led 3014 NW (120led/m) NonWaterproof 5mm larga:
5.0m= V=12 A=1.83 w=22.0
2.0m= V=12 A=1.44 w=17.3
1.5m= V=12 A=1.20 w=14.4
1.0m= V=12 A=0.87 w=10.4
0.5m= V=12 A=0.47 w=05.6

Si può notare che due chip 3014 consumano poco più di un chip 5050, ma ad occhio si nota un'efficienza maggiore. Nella foto seguente si possono notare le differenze tra le varie strisce di led
Led Strip 5050 5630 3014, foto a 1/1600s
Led Strip 5050 5630 3014, foto a 1/1600s
Le strisce 3014 sono più al buio poiché non vi è la guaina protettiva, di conseguenza la luce dei led non è diffusa lungo la striscia. Nella foto seguente ci sono le stesse strisce di prima, ma la foto è stata scattata con un tempo di esposizione minore, per mostrare meglio come viene emessa la luce dal singolo led. Si possono notare bene i 3 led presenti all'interno del chip 5050.

Led Strip 5050 5630 3014, foto a 1/2500s
Led Strip 5050 5630 3014, foto a 1/2500s
Ecco ora alcune foto per confrontare le luminosità dell'ambiente. Inizialmente, per sostituire i due neon da 36w, avevo posizionato ben 5 pezzi da 50cm affiancati nei primo blocco della libreria, 4 pezzi nel secondo blocco e 3 pezzi in ciascuno dei 3 blocchi rimanenti (vedi prima foto). Ma questa configurazione si è rivelata eccessiva oltre a far raggiungere i 70°C ai led 5050.
Ho quindi tolto 2 pezzi da 50cm, ottenendo la seguente configurazione: 4+3+3+3+3, ossia 4 pezzi da 50cm nel primo blocco, 3 pezzi nei rimanenti blocchi. Il consumo totale è: 17.8+4*13.8=73w
La quantità di luce emessa è pari a quando avevo i due neon da 36w, ed ecco il risultato visivo:

Nel passaggio ai più potenti led 5630 ho tolto un pezzo da 50cm per ogni blocco, ottenendo la configurazione: 3+2+2+2+2. Il consumo totale è: 17.7+4*13=69.7w
Come si può notare dalla foto seguente, la luce emessa è maggiore nonostante la potenza consumata sia inferiore. La luce, inoltre, sembra avere un basso CRI.

Per i led 3014 inizialmente ho usato due pezzi da 50cm di tipo Neutral White per ogni blocco, ottenendo la configurazione: 2+2+2+2+2. Il consumo totale è: 5*10.4=52w
Nonostante i consumi fossero molto bassi, la luce emessa era solo di poco inferiore alla configurazione con led 5050. Ecco la foto con solo 5m totali di 3014 NW.

Alla configurazione precedente, per ogni blocco, ho aggiunto 30cm di led strip 3014 WW. In questo caso il consumo totale è: 5*10.4+5*3.7=70.5w
Quindi, usando i led 3014, si ha una luminosità maggiore rispetto ai led 5050 e si assorbe una potenza inferiore. 


In tutti i casi, per alimentare le strisce a led, ho usato in totale due alimentatori switching da 12v 5A . Un alimentatore è collegato ai primi tre blocchi, mentre l'altro alimenta i rimanenti due blocchi. Ho scelto questi alimentatori poiché sono molto diffusi e quindi è possibile trovarli a prezzi contenuti.


Alla luce dei risultati che ho illustrato con i led 3014, credo che ormai i led 5050 siano utili solo per le strisce RGB, mentre le led strip 5630 siano state un esperimento mal riuscito. Il consiglio che vi posso dare al momento è quello di usare le strisce 3014 non waterproof su un profilo di alluminio. Se decidete di posizionarli sotto dei pensili per illuminare il piano di lavoro della cucina, meglio usare qualche punto di colla a caldo poiché l'adesivo non è sufficiente, ed il profilo di alluminio andrebbe montato con delle viti in modo che sia facile da rimuovere. Mettete in conto che, se li usate per molto tempo ogni giorno, dopo un paio di anni dovrete sostituirli. Ma attualmente è la soluzione che richiede meno lavoro e la più economica all'inizio.
Mi sento anche di sconsigliarvi di comprarle in alcuni siti o negozi in Italia, poiché spesso vendono le stesse strisce che si possono trovare su ebay dalla Cina spendendo un decimo.


Aggiornamento: Prendo spunto da una domanda per illustrare un altro lavoro che ho fatto con le strisce a led. In questo caso ho posto i led sopra una cornice di cartongesso lungo tutto il perimetro della stanza in modo da avere un'illuminazione uniforme. La veletta luminosa della foto seguente è posta in modo tale che la distanza tra la parte superiore ed il soffitto sia di 20cm, trovo che questa distanza sia ideale per questi lavori. Al diminuire di tale distanza la luce diventa sempre più puntiforme ed il soffitto non viene illuminato bene; se si aumenta la distanza il risultato non sarà piacevole a livello estetico.

veletta illuminata con strisce a led
veletta illuminata con strisce a led

Volendo è possibile diminuire la quantità di luce emessa inserendo dei dimmer PWM tra l'uscita a 12v dell'alimentatore e la striscia a led, oppure usare degli alimentatori con uscita regolabile ed alimentare le strisce ad una tensione lievemente più bassa di 12v. Aggiungo un progetto come esempio:
progetto per un soggiorno, clicca per ingrandire
progetto per un soggiorno, clicca per ingrandire

Vi sono molti dimmer, anche gestibili con il telecomando, ma personalmente preferisco inserire degli interruttori ed accendere selettivamente solo alcune strisce a led. Nel seguente esempio, un interruttore comanda l'illuminazione di una parete fornendo un'illuminazione diffusa comoda per guardare la tv, mentre l'altro interruttore comanda l'illuminazione delle rimanenti tre pareti. Se si accendono tutte le luci assieme si ha un'illuminazione sufficiente anche per poter scrivere.


Molti mi hanno chiesto dove comprare queste strisce a led, io non posso consigliare un venditore in particolare perché, come già detto, il materiale varia e non si ha la certezza di ordinare esattamente la stessa cosa con il passare del tempo. Sotto ho inserito i link alle ricerche che faccio su ebay per trovare questi componenti. Cliccando si apre una nuova finestra con i parametri già impostati, al momento è il modo più economico per comprare questi prodotti.



Per il test delle lampadine G4 12v a LED COB, cliccate qui:
lampadine-g4-12v-led-cob.html


----------------------------------------------------------------------------------------------
Led Strip 3014 ebay                       Lampadina led COB G4 12v ebay
----------------------------------------------------------------------------------------------
----------------------------------------------------------------------------------------------
Led Strip 2835 ebay                                               Dimmer 12v PWM
----------------------------------------------------------------------------------------------
----------------------------------------------------------------------------------------------

185 commenti:

  1. Ciao Pietro, sto sostituendo anch'io tre lampade fluorescenti (due da 36 e una da 21) con delle strisce a led. Sono arrivato sul tuo blog quando, dopo aver acquistato una striscia di 5m 300 LED 5630, misurando l'assorbimento ho letto che consumava solo 2,5 A.
    Grazie alle tue preziose osservazioni, capito il perchè, ed ora visto che la luce per la mia sala è ancora insufficiente, penso che acquisterò un'altra striscia stavolta di LED 3014.
    Il colore Natural White del 5630, per il mio gusto è ancora troppo freddo e quindi proverò a mischiare il 5630NW con il 3014WW.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dalle prove che ho fatto, si nota che puoi sostituire i due neon da 36w con una bobina da 5m di led 5630 alimentandola ogni metro. Ma come avrai letto sopra, è meglio evitare quel tipo di strisce a led. Anche a me hanno venduto dei neutral white 5630 che di neutral avevano solo il nome, nelle foto dei 5630 puoi notare che la luce è troppo azzurra...

      Elimina
  2. Si va a tentativi...
    Per mia personale esperienza le striscie adesive 5050 dopo un paio di mesi si bruciano in quanto non riescono a dissipare il calore emesso. Provate due marche diverse e dopo un po' si sono bruciate (L=2700). Al momento ho trovate delle barre da 1mt in alluminio con 72 led 5050 per una potenza dichiarata di 18W. Non ho controllato l'assorbimento ma fanno una luce molto più calda delle precedenti e una resa luminosa tale che da 2,5mt che avevo previsto, ho dovuto ridurre a soli 2 mt. L'alimentazione di tali barre è a 24v,

    RispondiElimina
  3. Si, ma tutto questo per scoprire che con 75w a led hai la luce di due neon T8? non hai provato i T5 HO?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse non hai letto bene tutto l'articolo... ho messo i dati di consumo attuale e le specifiche dei due T8 da 36w usati.
      I tubi T5 sarebbero stati inutili nel mio caso: non ho problemi di spazio, e dalle specifiche potrai leggere nei siti dei produttori vedrai che non si ha molta differenza con i T8

      Elimina
    2. i T5 hanno un'efficienza molto alta e costano nulla, 14 euro per una 39W che fa 3500 lumen, quasi 90 lumen per W, non per nulla si usano negli acquari, alternativa validissima i Dulux L con attacco 2G11, comunque tutti questi fluorescenti hanno luce molto migliore delle strisce di led, classe 80 e 90. i T8 sono assolutamente obsoleti, per non parlare delle lampade a scarica che fanno luce vera, 6800 lumen per 70W con CRI 95.

      Elimina
    3. Non sono superati i T8 rispetto ai T5, sono prodotti diversi ed esistono T8 con pari rendimento rispetto ai T5. Stessa cosa per le lampade a scarica, improponibili per chi cerca un'illuminazione diffusa e quindi usa le strisce.

      Elimina
  4. Ciao, ho trovato l'articolo molto interessante!
    Il tuo consiglio è di utlizzare strisce led 3014 non waterproof, se non sbaglio hai utilizzato il natural white, cosa ne pensi del warm white?
    Una domanda, per me che sono un principiante, fondamentale: da quanti watt mi serve l'alimentatore per una striscia led 3014 da 5 m?
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco che l'articolo è un po' lungo, ma ho inserito tutti i dati tecnici. Sia per le strisce 3014 bianco caldo che per quelle bianco neutro. Il bianco neutro è la luce migliore, il problema è trovare led di questo tipo di qualità, potrebbe andare bene o molto male...
      Ho inserito i dati di assorbimento per 5m, 2m, 1.5m, 1m, 0.5m.
      Ad esempio se colleghi la striscia da 5m 3014 bianco neutro (NW) solo da un lato avrai un assorbimento di 1.83A, ma quelle bianco caldo consumano 2.75A quindi per stare sicuro ti serve un alimentatore da 3A.
      Ma non credo che collegherai la striscia in quel modo, di solito gli alimentatori da 5A sono quelli con il miglior rapporto qualità prezzo poiché sono quelli più diffusi, e li uso anche per piccoli pezzi di strisce.
      In fondo all'articolo hai il link alla ricerca ebay che faccio di solito per trovarli, ricorda che se li prendi direttamente dalla cina servono 20giorni circa e fino a 22euro non si paga dogana.

      Elimina
    2. Grazie per la risposta. Effettivamente, rileggendo meglio, i dati che ti ho chiesto sono riportati nell'articolo, ma come ti dicevo non sono un addetto ai lavori e quindi faccio un po' di fatica a seguire il filo del discorso.
      Vista la tua gentilezza e disponibilità, vorrei chiederti un consiglio.
      Devo sostituire l'illuminazione di una cabina armadio, larga 4 metri (il "punto luce" si trova a metà), attualmente ci sono dei neon T5 2700°K con questa configurazione (13W+28W)*2. Questi neon hanno una durata molto breve e spesso sono costretto a sostituire anche le plafoniere che si guastano di sovente.
      Ho pensato di sostituirle con delle strisce LED 3014 NW/WW. Secondo te per ottenere approssimativamente la stessa illuminazione di quante strisce led da 50 cm ho bisogno?
      Grazie

      Elimina
    3. Se ho capito bene adesso hai una "stanza" con al centro due plafoniere una con due T5 13w e l'altra con due T5 28w. Dovrebbero durarti almeno un anno, anche considerando che vengono usate per poco tempo ma accese e spente spesso. Se durano meno è perchè l'alimentatore elettronico che avevi preso era di bassa qualità.
      Nel tuo caso potresti prendere 5 bacchette di alluminio da 1,1m e fissarle con i tasselli e su ogni bacchetta incolli (ad esempio con la colla a caldo) una striscia da 1m di led 3014 (120led/m) WW.
      Ti servono anche 2 alimentatori da 5A, con un alimentatore alimenti 3 bacchette e con l'altro alimenti le rimanenti 2 bacchette.
      In totale consumi 5*1.06=5.3A ; 63W
      Adesso consumi 82W + il reattore, per una stanza armadio da 4m per (2m?) mi sembrano molti... le 5 bacchette dovrebbero essere sufficienti, se non dovessero bastare puoi metterne tante da 1m fino a coprire tutto il perimetro del soffitto, o anche da 50cm se ti viene più comodo installarle.

      Elimina
  5. Io pensavo a 2 pezzi da un metro per lato, con un alimentatore da 5A.
    In alternativa: 4 pezzi da un metro per lato con un alimentatore da 10A.
    La domanda è: posso usare un alimentatore da 10A o me lo sconsigli?

    RispondiElimina
  6. Gli alimentatori da 10A sono meno affidabili. Come mai non vorresti usare due da 5A? In quel modo sfrutteresti tutta la bobina da 5m...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è che vorrei mantenere una certa simmetria... così vorrei mettere l'alimentatore al centro e le strisce led ai lati.
      (Si tratta di una illuminazione da mettere al soffitto)

      Elimina
    2. Gli alimentatori di solito si mettono in un posto nascosto alla vista, anche una finta plafoniera al centro con dentro i due alimentatori da 5A andrebbe bene... e mettendo 4 strisce da 1m e 2 da 50cm hai la simmetrica migliore.

      Elimina
    3. Ok, ricevuto.
      Cmq, tu credi che soli 4 metri di striscia led (1m*4 oppure 0,5m*8) possano essere sufficienti per sostituire 2 neon T5 da 13W + 2 neon T5 da 28W? E in ogni caso bastevoli per illuminare una cabina armadio di 4m*1,1m?
      Grazie

      Elimina
    4. Contattami in email, magari aggiungi una foto delle plafoniere. Per una stanza delle tue dimensioni 8x0.5m sono sufficienti, ma in quella configurazione assorbi 4.56A e per avere più margine io non userei un solo alimentatore da 5A, quindi in quel caso tanto vale usare 10 pezzi da 0.5m ed illuminare tutto il perimetro in modo omogeneo che sarà più gradevole e consumi tutta la bobina. Gli alimentatori di solito è facile trovare un punto dove nasconderli...

      Elimina
  7. Buonaser Pietro,
    dopo settimane di ricerca su intrnet ho trovato notizie dettagliate su prodotti di questo tipo. Complimenti.

    Mi permetto di chiederle qualche consiglio. io ho la necessità di illuminare l'interno di golette di gessolino di un soffitto di un ambiente (perimetro rettangolare 8 mt) parte di un ambiente più grande, ho pensato di farlo con strisce led. Il mio obbiettivo è quello di ottenere una luce che nn sia molto forte, ad ogni modo l'intensità verrà gestita da un regolatore di intensità enon da un' interruttore. Ho anche visto dei tubi neon a led con attacco t5 con una potenza di 5w ogni 60 cm, questi mi permetterebbero una facilità di installazione maggiore in quanto basta collegarli i serie e sono già provvisti di alimentatore.

    Cosa mi consiglia? cosa è più corretto fare in questo caso?

    La rinrgazio sin d'ora.

    Carlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dal punto di vista sia dei costi che di illuminazione uniforme ti conviene usare le strisce a led rispetto ai tubi T5 con la plafoniera piccola, che se ho capito bene quale pensi di usare è molto economica ma con materiali scadenti e durerà poco. Ti ho inserito un aggiornamento con una foto di un lavoro simile che ho fatto per un ambiente 4*3m. I due dimmer (se proprio li vuoi) li dovrai inserire sulla veletta uno dopo ogni alimentatore.

      Elimina
    2. Grazie Pietro,
      ma il dimmer io l'ho già a parete, all'impianto che porta corrente sopra le velette, non posso utilizzare quello? Che come ho potuto capire è anche più comodo per regolare l'intensità. e poi perchè due?

      E ancora, ma devo comprare due strisce da 5mt per coprire 8 mt lineari?
      Non mi basta un solo alimentatore da 150w?

      Grazie ancora

      Elimina
    3. Se vuoi puoi scrivermi in email indicandomi i modelli di alimentatore e dimmer, ma probabilmente non andranno bene. Alimetatori da 150w 12v non ne conosco, di solito sono da 16v.
      Per 8m si, devi prendere due bobine da 5m e ti consiglio due alimentatori da 12v 5A che si sono rivelati i più affidabili. E come optional puoi mettere i due dimmer oppure gli alimentatori con l'uscita regolabile. Ma se prendi quelli, che sono forati, tieni in conto di dover passare l'aspirapolvere per pulirli ogni due anni e che non vanno molto d'accordo con ambienti umidi.

      Elimina
  8. ciao Pietro vorrei chiederti un consiglio..stiamo ristrutturando l'appartamento e pensavamo di un illuminare La sala è una parte della cucina con delle strisce a led creando una veletta sul perimetro dei locali volevo chiederti pensi che la luce creata dai led sia sufficiente? che striscia led è meglio che metto e che alimentatore devo mettere? per ultimo ti vorrei chiedere si è possibile applicare un telecomando per regolare l' intensità della luce. spero tu mi possa aiutare ti ringrazio molto Mirca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho aggiunto un altro schema di progetti già realizzati, nel primo ci sono dei regolatori di luminosità (dimmer) nel secondo si usano degli interruttori per accendere solo alcuni pezzi di strisce. Alla fine dell'articolo ho messo le ricerche ebay che faccio sia per le strisce che per i dimmer, e li troverai anche dei dimmer con telecomando.
      Nell'articolo ho cercato di spiegare le caratteristiche delle varie strisce ed attualmente di solito quelle che riescono meglio sono le 3014ww. Devi prendere tanti alimentatori in base al consumo delle strisce. Se hai un dubbio su una configurazione tua particolare puoi scrivermi un'email.

      Elimina
  9. complimenti per la chiarezza e precisione. Utilissimo

    RispondiElimina
  10. Biongiorno e complimenti peil lavoro e la competenza. Stavo giusto per adoperare qualche decina di metri di striscia 220 sebbene 3014 ma ip 66 e/o 68. Ho letto il commento . Quali sono le problematiche? nelle vetrine alle spalle dwl bancone di un bar necessitano protezione dagli schizzi. Soluzioni alternative diventano le barre?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le strisce a 220v usano un semplice diodo per raddrizzare la corrente, la tensione di rete varia e non essendo stabilizzata poterà ad una prematura morte dei led che lavoreranno fuori dalle specifiche. Inoltre sono pericolose poiché le piste dove scorre la 220v sono protette da un sottile strato di plastica trasparente.
      Ti basta usare le strisce 3014 waterproof da 12v. Magari alimentale con un alimentatore 12v regolabile (vedi link alle ricerche ebay alla fine dell'articolo) e lo imposti a poco meno di 12v per bilanciare il calore in più che si ha a causa della copertura in silicone.

      Elimina
    2. Buongiorno Pietro,
      ho una veletta al centro del soffitto, lato esterno del balconcino 160X160, lato interno 140X140: la striscia da 5mt non coprirà completamente il perimetro,se la distribuisco uniformemente è sufficente o esteticamente l'effetto sarà scadente? Le strisce led 3014 che vedo sù eb costano molto meno che sù altri siti,sono comunque valide?
      grazie

      Elimina
    3. In fondo all'articolo ho messo la ricerca che faccio io per prendere sia le strisce che gli alimentatori, è la scelta migliore perché devi aspettare un mese affinché arrivino, ma costano molto meno. Per il resto anche gli altri negozi in Italia li prendono dalla Cina e poi le rivendono.
      Devi mettere le strisce vicine al bordo, quindi prendendo 5m ti mancheranno 15cm per lato. Per ogni lato metti 2 pezzi da 50cm ed uno da 25cm collegati in serie in modo da distanziarli di circa 5cm ed hai risolto in modo ottimo. Ti consiglio di mettere due alimentatori da 5A in due angoli opposti e con ogni alimentatore alimenti due lati in parallelo. Dai un'occhiata al progetto del salone che ho postato sopra come ispirazione.

      Elimina
  11. buonasera Pietro,
    devo mettere delle strisce a led dietro ad uno specchio (70x90) incollato ad un pannello di poliuretano spesa. cm. 2,5 all'interno del pannello vorrei mettere l'alimentatore ( si trovano da 20-25 mm. credo) intorno al pannello metterei le canaline e lo specchio dovrebbe sporgere circa 15 per nascondere le canaline e far uscire la luce sul rivestimento del bagno.
    E' fattibile? l'alimentatore riscalda che potrebbe rompere lo specchio?
    scusa, ma è la prima volta che uso le strisce a led, cosa mi consigli?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sopra ho messo il link amazon a due alimentatori sottili da 1A non scaldano molto e sono spessi 2cm. Li puoi mettere entrambi, ed ognuno illuminerà metà striscia.
      Ma non ho mai fatto lavori con il poliuretano, di solito lo specchio lo si accoppia ad un telaio in alluminio, non so se il poliuretano sia una buona scelta.

      Elimina
    2. salve Pietro,
      credo che per lo specchio seguirò senz'altro il tuo consiglio, userò uno scatolato d'alluminio, per le guide avrei trovato queste ad un prezzo molto basso credo:
      http://www.silamp.it/profilo-per-striscia-led-smd-barra-alluminio-rigido-1m-copertura-trasparente-p-324.html
      su questo negozio ho visto che hanno anche le strisce 3014 e gli alimentatori! vorrei cominciare a farne intanto uno, poi passerò al secondo.. al terzo..... al quarto, ti dico subito che non sono un'artigiano ma un pensionato 71 enne ;) proverò subito il primo x me...poi vediamo se continuare per i figli....... o rinunciare ,:(
      in attesa di un tuo consiglio x andare avanti così o come da tuoi consigli, colgo l'occasione per ringraziarti per gli aiuti e i consigli che stai dando a me me e a tutti quelli che vogliono dilettarsi con i led
      un saluto Ario

      Elimina
    3. Nel sito che hai citato tu le strisce WW con led 3014 vengono 19euro+7di spedizione. In fondo all'articolo ti ho messo un link alla ricerca ebay e trovi le stesse a meno di 10euro spedite.
      Nell'officina meccanica che ti farà il telaietto in alluminio o in lamierino zincato fatti fare un semplice rettangolo di metallo poco piu' largo della sctriscia. Su questa bacchetta incolli la striscia e la bacchetta la fissi al telaio con delle viti. Questo per facilitare le operazioni di sostituzione. Se ho capito bene il telaio sarà un po' rientrato rispetto al bordo specchio, quindi non ti servirà neppure la copertura poiché le strisce saranno difficili da vedere direttamente.

      Elimina
    4. ho visto il link che hai messo di ebay, ma a quel prezzo vengono dalla Cina e questi chiedono paypal che io non ho, inoltre mi ero ripromesso di non acquistare + niente dalla Cina perché sono rimasto fregato già un paio di volte, per il tempo e per il materiale. Preferisco pagare 10 euro in più... ma almeno la fregatura la prendo da un italiano ;)
      Mi sembra di aver capito che non servono neppure i profili di alluminio, perché le strisce potrei incollarle direttamente sul telaio che è in alluminio 40x20 , giusto? oppure è meglio mettere le guide senza la plastica, visto che le guide hanno vengono applicate con delle mollette e forse riescono anche a dissipare un po meglio il calore,

      Elimina
    5. Fatti aiutare da un parente o amico a farti paypal, fai tutto in un paio di minuti. Quei venditori spediscono con raccomandata, ti arriva tutto in un mese e se hai problemi di qualsiasi tipo paypal ti rimborsa. Ma si sono rivelati molto affidabili (ne abbiamo prese tantissime), guarda i feedback e non avrai problemi. Quelle che prendi in Italia sono le stesse ma come hai visto ti costano più del doppio, ed in caso di problemi non hai le stesse tutele.
      Volendo puoi metterle direttamente sul telaio, ma in quel caso avrai + difficoltà per la sostituzione, ecco perché ti avevo suggerito di aggiungere un semplice rettangolo di metallo da fissare al telaio. Se hai altre domande scrivimi in email.

      Elimina
  12. Gent.mo Pietro,
    Complimenti per il lavoro di informazione e sostegno che stai facendo con pazienza e competenza.
    Posso chiederti un consiglio relativo all’installazione di strisce led di cui non ho pregressa esperienza?
    Ho come casa di vacanze un piccolo appartamento in ristrutturazione nel quale ho realizzato un soppalco rettangolare in ferro diviso in quattro riquadri su cui sistemerò come pavimento altrettanti lastroni di vetro temperato e stratificato di spessore 3 cm.
    La struttura è costituita di quattro travi ad L 10 cm x 10 cm (i lati della L) e 1 cm di spessore. I quattro riquadri sono ottenuti saldando tre fasce di larghezza otto cm e spessore 1 cm, su ciascuna delle quali è saldata una barra di ferro pieno a sezione quadrata 3cm x 3 cm. Il soppalco misura metri 4,35 x metri 1,85 e i singoli riquadri sono dei rettangoli ciascuno dei quali misura metri 1,65 x metri 1.
    Vorrei sistemare al perimetro dei riquadri (mediante biadesivo + silicone) le strisce led in modo da ottenere la luce dallo spessore dei singoli vetri. Ho letto che consigli di alimentare ogni metro le strisce per uniformare il rendimento luminoso, ma non ho capito se ai morsetti dell’alimentatore posso collegare in parallelo le singole uscite (ciascuna per un metro di led). Quante strisce led e quanti alimentatori utilizzeresti? Come faresti i collegamenti? Se vuoi posso inviarti un disegno del soppalco che potrai utilizzare per suggerirmi il passaggio dei fili da un riquadro all’altro etc. in tal caso mi dovresti dire come allegare l’immagine al post. Ti ringrazio anticipatamente.
    Paolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scrivimi un'email allegando il disegno o la foto, e saprò risponderti meglio.
      Ti anticipo che, ovviamente, ad ogni alimentatore puoi collegare vari spezzoni in parallelo (vedi esempi di progetto che ho inserito in fondo all'articolo), l'importante è che il consumo totale sia inferiore alla capacità massima dell'alimentatore stesso. Io uso gli alimentatori da 5A perché si sono rivelati quelli con il miglior rapporto tra prestazioni, affidabilità dimensioni e prezzo. Ad ognuno di questi alimentatori collego un carico complessivo che sia inferiore a 4A in modo da avere sufficiente margine.
      Inoltre, se puoi, ti consiglio di non mettere le strisce direttamente sulla struttura metallica, ma di usare una bacchetta metallica che poi avviterai alla struttura principale. Questo per velocizzare/facilitare le operazioni di sostituzione in futuro.

      Elimina
  13. Buongiorno, molto bello l'articolo, approfittando della sua competenza e gentilezza, le chiedo dei consigli, ho due linee di 15 mt di tubi al neon da 58w volevo sostituirli con delle strisce a led. Cosa mi consiglia? Sono un ristorante pizzeria.
    Grazie in anticipo.
    Saluti
    Paolo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai due linee per illuminazione diretta con i tubi classici da 58w ti consiglio di lasciare quelli, al momento i tubi al led costano molto. Prova a chiedere un preventivo ad un grossista di materiale elettrico della tua zona per dei tubi a led lunghi 1,5m 28w cri>80 e temperatura 3000 o 4000°K
      Ad esempio gli Osram SubstiTUBE Advanced 28 W/830 1500 mm
      fatti due conti e vedi se ti conviene metterli (sopra ti ho messo il link alla versione da 1.2m venduta da amazon).
      Se invece hai un'illuminazione indiretta, puoi montare delle strisce di 3014 ww nel perimetro per illuminare il soffitto.

      Elimina
  14. Ciao Pietro e complimenti per l'articolo dettagliato.
    Ho trovato riscontro delle tue parole anche da questi produttori Italiani di strisce a led, i quali non usano i chip 5050 grossomodo per i motivi a cui adducevi tu.

    Volevo chiederti cosa ne pensi del prodotto che vendono (e che producono internamente):
    http://www.xled.it/prodotti/strisceled/#ar24-700-3014

    E' una striscia a 24V con led 3014 Bianco Caldo.
    Le cinesi di eBay vengono vendute a 5 euro, queste a 150 euro... dici che siamo capitati nell'ennesimo ingiustificato sovrapprezzo?

    Usandole in soggiorno vorrei infatti evitare di dover cambiare le strip ogni anno.
    Queste vengono garantite 3 anni...

    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Li conoscevo per nome, ma non le ho mai testate personalmente. Loro comprano i led e le assemblano. La pista in rame potrebbe essere un po' più spessa ed avere quindi meno perdite, ma considerando che i led non li fanno loro, non possono fare miracoli... Personalmente, io non spenderei mai quelle cifre per una striscia led. Mi sembra una pazzia, allo stesso prezzo ti prendi 3 tubi a led Osram da 28w che sono decisamente meglio.
      Io sto usando delle 3014, su supporto metallico, per almeno 5h al giorno da quasi un anno e sono ancora buone.
      Sopra ti ho messo i link alle ricerche ebay per alimentatori e strisce che uso, ti consiglio di fare altrettanto o di passare a ledtube certificati se trovi una buona offerta.

      Elimina
    2. Grazie per il celere riscontro, era il mio medesimo dubbio.
      Quindi meglio spendere 1/10 ed eventualmente cambiarle più spesso piuttosto che spendere "troppo" per poi trovarsi a doverle cambiare comunque (anche se magari più tardi rispetto ad altre).

      Ti chiedo un ultimo parere, meglio 12V o 24V? Devo fare 5 metri di Luce bianca in un punto, e 12 metri di RGB (5050 visto che esistono solo quelle) e sono indeciso sulla tensione e sul collegamento all'alimentazione.

      Infine, ho visto che sul tuo armadio ne hai messe diverse in parallelo per avere una buona resa luminosa, dovendole io inserire nella veletta di cartongesso è meglio che prevedo l'angolare in alluminio da 20mm in modo che possa mettere nell'eventualità 2 strisce in parallelo?

      Grazie

      Elimina
    3. Spendi meno di 1/10 per delle discrete strisce con led 3014 e ti arrivano in un mese. Credo che il valore aggiunto del "Made in Italy" sia altro, quel tipo di striscia è troppo semplici per fare qualcosa di diverso, sono solo 3 led ed una resistenza.
      Se puoi mettere un punto di alimentazione ogni 1.5 - 2m ti consiglio le 12v perché sono le più diffuse e puoi usare gli alimentatori da 12v 5A che sono quelli con un costo basso e che si sono rivelati affidabili e freddi se usati con carichi fino a 4A.
      Non ti fare ingannare dalle foto, sopra la libreria fanno molta luce perché serve una luce da scrittura e la stanza è grande... in tutti gli altri progetti non ho sentito la necessità di usare una doppia striscia.
      Nel caso di velette ho appoggiato le strisce direttamente sul cartongesso con il loro biadesivo, anche in quel caso prevedo una vita utile di 2 anni usandole tutti i giorni. I 3 anni di xled mi sembrano un po' ottimistici o forse tollerano una diminuzione di luminosità che per me sarebbe eccessiva.
      Considera anche che tra 2 anni troverai led migliori e potrai sostituire il tutto con pochi euro e pochi minuti (una volta predisposto ll'impianto).
      Se hai qualche foto/piantina della zona scrivimi pure un'email e posso consigliarti meglio. Dai un'occhiata anche ai progetti di esempio che ho postato alla fine dell'articolo.

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    5. Se si pensa alla bolletta vuol dire che le strisce verranno usate tutti i giorni e per molto tempo. Nessuna striscia a led in quelle condizioni dura più di 3 anni mantenendo una buona luminosità. Anche i tubi tradizionali si cambiano ogni 2 anni in quelle condizioni.
      Una striscia da oltre 30w reali al metro? Si, come no... non sai di cosa stai parlando.
      Ps: i led 2835 sono già stati nominati. Non inserire link al tuo negozio di import dalla cina, è spam e l'ho cancellato.

      Elimina
  15. ho letto con attenzione e ammirazione il tuo articolo e avrei necessità di un tuo suggerimento.
    ho acquistato strisce led 3014 168leds/m molto luminose [ http://www.aliexpress.com/item/5M-Super-brightness-3014-SMD-168leds-M-LED-flexible-Strip-DC-12V-White-Non-waterproof/1884333357.html ] per fare velette in alcune stanze.
    non so come determinare alimentatore e dimmer.
    ad esempio: una stanza ha 6,8 metri di striscia led.
    avevo stimato una 1,5a per metro e quindi di aver bisogni di un alimentatore da 122w (6,8mx1,5ax12v).
    possibile? e quale dimmer uso?
    grazie per l'attenzione.
    Francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In fondo all'articolo ho messo i link alle ricerche ebay per trovare tutti i prodotti al prezzo più basso, usando quelli avresti speso un po' meno.
      Hai fatto bene la stima di consumo per quelle strisce, ma ti consiglio di mettere alcuni alimentatori 12v 5a facendoli lavorare al massimo con 4,5A di carico ognuno. Puoi scegliere gli alimentatori regolabili così non ti serve il dimmer ed hai la migliore efficienza. Se invece preferisci gli alimentatori chiusi + dimmer, allora puoi usare il dimmer che vedi nelle ricerche ebay come da 8A ma usato con lo stesso carico di prima. Scrivimi in email se hai dubbi, magari con lo schema e ti saprò dire meglio.

      Elimina
  16. Salve, le scrivo per chiederle un parere.
    Ho un lampadario che monta 60 lampadine ad incandescenza, attacco g4, da 5 watt l'una (tensione 12 volt).
    Volevo sostituirle con lampadine a led da 1 watt. Ho trovato un negozio on line che vende una lampadina g4 fatta con 24 led 3014, chip da 3 watt, e mi dicono che i consumi reali sono di 1 watt (nominali di 3 watt).
    Secondo lei è plausibile quello che mi dicono? Se consumassero più di 1 watt non le vorrei comprare. La ringrazio se vorrà rispondermi. Saluti. Leopoldo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti sconsiglio quelle lampadine. Hai già letto qui?:
      http://pietroippoliti.blogspot.com/2014/08/lampadine-g4-12v-led-cob.html

      Elimina
  17. Grazie della risposta, purtroppo il mio lampadario ha dei coprilampadina in vetro a forma di bolla, e affinchè entri nel suo attacco, la lampadina non deve avere un diametro superiore ad 1 cm. La lampadina Cob da lei consigliata, che anche io avevo preso in considerazione inizialmente, è troppo "cicciotta"....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. avresti ancora meno dispersione di calore, allora non puoi montare nessuna lampadina a led lì

      Elimina
  18. ciao Pietro volevo solo chiederti se invece di incollare la strip led sull'alluminio la incollo direttamente su una superficie di ferro verniciato tipo lavatrice puo' andare bene per dissipare il calore? e poi volevo chiederti se collego l'alimentazione da entrambe i capi della strip led puo' andare bene o devo per forza alimentarli ogni metro?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se le monti su una veletta basta incollarle con l'adesivo in dotazione. Eventualmente vai in un'officina meccanica della tua zona e ti fai fare dei rettangoli di lamierino zincato che costano pochissimo e non li devi verniciare. Io uso quelli se devo mettere le strisce sopra un materiale che non conduce calore.
      Se, ad esempio, devi fare un collegamento di 2m puoi alimentarlo alle due estremità e sarà come se alimenti due pezzi da 1m.

      Elimina
  19. Ciao Pietro,
    finalmente qualche informazione chiara.
    complimenti!
    Non avevo mai sentito dei 3014 e dei 2835.
    Qui non ho invece letto dei 7020.

    Pensavo di illuminare la mia piccola cabina armadi con strisce led.

    La cabina armadi è divisa in 2 parti.

    Una parte con ripiani :
    da 70cm di larghezza di varco accedo a 5 ripiani 130cm di larghezza x 80cm di profondità in circa 3m di altezza che ho pensato di illuminare con strisce led da 1 metro sotto ciascun ripiano al centro.
    Immaginavo SMD 3528 o 5050.

    Una parte quadrata (1.5x1.5m h 3m) accessibile con 2 pareti occupate dai vestiti che pensavo di illuminare a soffitto con circa 1metro di striscia led per entrambe le 2 pareti senza vestiti.
    Immaginavo SMD 5050 o 5630 o 7020.

    Per l'alimentatore pensavo di usarne 1 unico 12v da 100w o 150w.

    Cosa mi consigli?
    Grazie
    Simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhm, se hai letto l'articolo sai che consiglio gli alimentatori da 5A. Quelli più grandi hanno problemi. Molto meglio mettere 2 alimentatori da 5A rispetto ad uno da 10A.
      I led 3528 - 5050 - 7020 te li sconsiglio, e se leggi l'articolo capirai che i led 5630 sono da evitare. Puoi sceglire tra le strisce 3014 e 2835, nel tuo caso meglio 3014. Alla fine dell'articolo trovi i link alle ricerche ebay. Entro fine anno penso di scrivere un altro articolo di aggiornamento con anche i 2835.

      Per la cabina armadio scrivimi un'email, non ho capito bene come è fatta e come vuoi illuminarla. Se è già costruita manda qualche foto magari.

      Elimina
  20. Ciao Pietro,
    ottimo articolo, proprio quello che mi serviva.
    Mi stavo accingendo ad acquistare una striscia di led da un sito italiano, il prezzo era abbastanza elevato, poi leggendo l'articolo mi sono guardato intorno ed ho trovato 5m di 3014, 600 led/metro Warm White Non-Waterproof, a € 15,59.
    Forse il prezzo è un pò troppo basso, ma ho voluto provare.
    Ti chiedo un parere per il collegamento elettrico.
    Vorrei connettere l'ingresso dell'alimentatore all'interruttore 220v preesistente, per poi allacciare direttamente l'uscita 12v alla striscia di led , però mi sorge un dubbio, anche se spero che sia infondato.
    Temo che ad ogni accensione dell'alimentatore, la tensione non sia stablile, ma provochi uno sbalzo che vada a danneggiare i led.
    Confido,ovviamente passate tutte le feste, nei tuoi saggi suggerimenti per realizzare in modo corretto, l'illuminazione sottopensile della mia cucina.
    Un cordiale saluto e Buon 2015
    Luciano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In fondo all'articolo trovi i link alle ricerche ebay, lì noti che costano meno di 15euro. Ma immagino che volevi dire 600led per 5m.
      Se hai preso uno di quegli alimentatori delle ricerche, sono alimentatori di tipo switching stabilizzati e non hai picchi di tensione.
      Se vuoi scrivimi in email.

      Elimina
  21. Grazie della utile guida.
    E' tanto tempo che ho voglia di illuminare la sala, che ha il soffitto a travi+travetti e mezzane in cotto, usando i buchetti sopra le travi (alti 8cm e alrghi 20cm) tra i travetti. Oggi con i led credo sia finalmente possibile.
    La mia idea è di usare pochi led (poca luce) in ogni buchetto. Se taglio una strip ogni 3 led, e alimento 15 pezzetti con un alimentatore da 5A, devo collegarli in serie vero? (cioè collego i due poli da una parte e li riprendo alla fine del pezzetto per andare al successivo)
    Vorrei inserire l'alimentatore nel primo buchetto della trave in legno, ma il tutto non scalda troppo vero? e poi fissare i led su un profilo di alluminio.
    Grazie, Alessandro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mandami una foto in email, se puoi collegare i pezzetti in parallelo è meglio.

      Elimina
  22. Buongiorno, finalmente un articolo utile bravissimo.
    Avrei bisogno di un consiglio per l illuminazione di una mansarda 10x9 mt con 3 travi da 6 mt di lunghezza dove nei due piu bassi avrei intenzione di installare 2 strisceda 6 mt su 2 lati per ciascun trave. Il dubbio è che la luce prodotta sia esagerata. Grazie fin da ora per la risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mandami in email qualche foto o dei disegni e potrò risponderti meglio. Ma considera che per illuminare una stanza di 10x9m in modo indiretto ti serviranno almeno 200w

      Elimina
  23. Salve, complimenti per le spiegazioni, vorrei chiederle un consiglio...
    Nella sala da pranzo nuova che sto ristrutturando vorrei installare a veletta delle strip 5050 già in mio possesso. Come alimentazione sono orientato verso gli alim. da 5A (tipo: http://www.alimentatorishop.com/epages/990115904.sf/it_IT/?ObjectPath=/Shops/990115904/Products/GS60A12-P1J) ora vorrei sapere come collegare le strip. La veletta dovrebbe essere circa 8mt e ho 2 strip da 5. nei 2 kit ci sono anche i control box ir con telecomando. Secondo lei l'alimentazione conviene darla al centro di ogni strip ? (Nel caso dovrei tagliarla e saldare il connettore al centro dei due pezzi o sdoppiare il connettore in uscita dal control box e alimentare i due pezzi singolarmente?) Ovviamente questo per ogni strip...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mandami un'email, non ho capito di che kit parli... nel link vedo solo un alimentatore che se usi il link che ho messo a fine articolo puoi prendere spendendo 1/5...

      Elimina
  24. Buongiorno e complimenti x le informazioni fornite. Vorrei fare la "lista della spesa" per due strisce a led da porre nel tunnel centrale del mio living. Lateralmente allo stesso insistono due alette di lunghezza 4mt cad.una per l alloggiamento delle stripled. Una ditta ledpro mi ha suggerito delle strisce led combinate rgb + luce calda xon chip holytronic ( o qualcosa del genere :-) ma ovviamente costano piu di 60 euro cad.una. quindi volevo acquistare il tutto su e bay . Vengo alle domande. . Consigli l'utilizzo di queste strisce? Meglio prevedere di affiancarne due? (1 5050 +1 3014 o 2835 wharmwhite). Preciso che non si tratta di illuminazione principale ma secondaria ma ci tenevo alla possibilità si optare tra la variazione di colore dell rgb o una luce warm white che non sia quella (scadente) modulata dalla stessa rgb.
    Grazie,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se segui il link alle ricerche ebay che ho messo a fine articolo scopri che le bobine da 5m con 120led/m 3014 ti vengono meno di 10euro. Gli effetti rgb vanno bene per un locale, ma dentro casa stufano in fretta. Se proprio ci tieni a mettere le rgb, puoi metterle parallele alle warm white e le accendi all'occorrenza. Tanto costano poco. Metti gli alimentatori da 5A regolabili che sono affidabili e puoi regolare la quantità di luce che ti serve senza dimmer.

      Elimina
  25. Ciao, ho realizzato un impianto con 15m di led 3014WW 120led/m montati su due velette. Li ho alimentati con un trasformatore 12V 200W 16,5A a valle del quale ho messo un dimmer con telecomando anch'esso in grado di erogare 16A. La luce e l'illuminazione sono perfette. Ho preso quindi una fase 12V in uscita dal trasformatore e mandata a 3 deviatori per l'accensione da più punti. Sono circa 20m di giro prima di rientrare nel dimmer. Ho notato però un brusco calo di luminosità, credo sia dovuto al calo dei volt. Come posso risolvere? Grazie in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già è tanto che non hai bruciato tutto... i deviatori di solito reggono 10A, e per come hai fatto l'impianto tu ti servirebbero cavi da 16mm2...
      Se devi spegnere/accendere le luci devi agire sul trasformatore e non sull'uscita! Io in ogni caso non avrei mai preso un alimentatore del genere, ma uso sempre tanti da 5A che sono più gestibili ed affidabili.

      Elimina
    2. Ho scelto un trasformatore unico più potente perché non avevo molto spazio per piazzare e nascondere più trasformatori piccoli e perché volevo un solo dimmer per tutte le strisce. Effettivamente non ho verificato i dati dei deviatore, cercherò di agire sull'entrata in AC. Grazie

      Elimina
  26. Ciao Pietro, molto interessante il tuo articolo, bravo, e grazie molte della condivisione di esperienze !!
    Volevo porti una domanda,
    devo realizzare una lampada a sospensione da mettere in sala pranzo, è fatta da tre "quadrati"
    1 85x85 cm rivolta verso l'alto
    1 45x45 cm verso il tavolo
    1 25 x25 cm sempre verso il tavolo
    per circa complessivi quasi 5 mt di sviluppo lineare , in pratica una bobina standard.
    Mi piacerebbe avere i led più puntiformi e averne tanti per avere una maggiore linearità di diffusione, non impiego nessun diffusore,
    seguendo i tuoi consigli, andrei sui 3014 senza rivestimenti, li ho trovati da 300 600 e anche 1200 led/metro,http://www.ebay.it/itm/KIT-STRISCIA-LED-BOBINA-5m-ADESIVA-FLESSIBILE-12V-24V-LUCE-CON-ALIMENTATORE-/121428454330?pt=IT_Stanza&var=&hash=item1c45b32bba
    scarto i 300 per poca potenza complessiva;
    mi consigli di prendere una strip da 600 e sfruttarla quasi al massimo della luminosità ? o prendere la strip da 1200 led e usarla dimmerata a minore potenza ?
    il vantaggio della 1200 sarebbe una maggiore linearità dei punti luminosi, arrivando a un led ogni 4,1 mm , e un uso dimmerato che dovrebbe sfruttare meno i led e quindi farli durare di più, il tutto pero' con lo svantaggio che la striscia a 1200 led mi costa il doppio della 600 ...
    Grazie in anticipo dei consigli
    Giorgio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me sembra una pazzia prenderli da lì, usa il link delle ricerche che ho messo a fine articolo spendi 1/10.
      Mandami in email se hai fatto un disegno della struttura o altri dettagli, perché mettere i led verso il basso senza diffusore non mi sembra una buona idea, salvo casi molto particolari.

      Elimina
  27. Si ok, per il prezzo poi uno affina la ricerca, non vorrei comprare in cina più per motivi di tempi-spedizione e garanzia sul prodotto, già se qualcosa non va rispedire a pescara o palermo mi secca, figuriamoci in cina !!!
    ma tra i 10 euro /5mt dalla cina e i 100 ai negozi a roma , se trovo a 20 o 30 sono contento lo stesso,
    questa lampada autocostruita s la compri di marca firmata di design costa 1700 euri ... pazzia pura !!!
    a me alla fine andrà sui 100 150 ... sono contento cosi,
    non ho disegni, ho tutto in mente, in sostanza sono ogni quadrato 4 profili a u di alluminio 12mmx10mm spazio interno 10mm dove incollo la strip, a formare dei quadrati, sospesi al soffitto con 4 fili agli angoli /su una "base" 1mt per 1mt alta 4 cm che contiene gli alimentatori. i fili portano la corrente ai quattro angoli (diffusa omogeneamente 2positivi e 2 negativi incrociati per ogni quadrato) .
    i due quadrati più piccoli sono rivolti verso il tavolo, ma siccome i led sono interni al profilo di alluminio e siccome sono tantissimi e vicini penso che anche senza diffusore non dovrebbero dare fastidio alla vista (giusto se uno si mette a guardarli dentro...), i profili di alluminio aiutano a smaltire calore ..
    altro link
    http://www.ebay.it/itm/Super-Bright-3014-168-240-LED-M-Cool-Warm-Nature-White-Flexible-LED-Strip-Light-/221672350095?pt=LH_DefaultDomain_0&var=&hash=item339cb3a18f
    qui sono più economici e ci sono anche a 168 led/mt (32 euro compresa spedizione, ma ripeto, non sono i 10 euro in più a cambiare la vita, quanto la qualità, ovvero se trovassi led certificati che durano 5 o 10 anni , spenderei volentieri anche 60 euro !!!)
    quindi la scelta è :
    120 led metro full
    168 led full dimmerabile
    o240 led dimmerabile ??
    p.s. non trovo alimentatori dimmerabili internamente.. ma solo regolatori da aggiungere dopo, carini quelli comandati via radio e a prezzi ridicoli, li hai mai provati ??

    grazie ciao buona domenica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scrivimi un'email con il link alla lampada originale, ciò che hai in mente di fare non credo illuminerà bene.
      Di sicuro sono da scartare quelli a doppia fila di led affiancati. Per la quantità devi vedere cosa vuoi illuminare e come.
      Attaccare la striscia direttamente nel profilo ad U ti comporterà qualche problema quando tra 4-5anni dovrai sostituire i led.
      Sopra ho messo i link alle ricerche anche dei dimmer che ho usato, ma quando possibile preferisco gli alimentatori regolabili per motivi di efficienza.
      I tempi per arrivare la merce prendendola dalla cina sono di un mese circa, se non funziona te ne accorgi subito e ti rimborsano. Dopo un anno pure quelli che vendono in Italia ti trovano scuse visto che non si tratta di prodotti finiti.
      Se vuoi la certezza della temperatura colore, garanzia etc... vai in un grossista di materiale elettrico della tua città e chiedi dei led tube ad esempio Osram. Comprare le strisce a led dai venditori italiani, considerando a quanto le vendono mi sembra una pazzia, tanto vale prendere i led tube.

      Elimina
  28. ecco la lampada ispiratrice ...
    http://www.soluzioniluce.it/en/productdisplay/leonardo-853

    ma gli alimentatori regolabili, che ho trovato, ma non ho cercato ancora bene, hanno un trimmer piccolo di lato, sembra più una regolazione fine una tantum che aggiusta il voltaggio a 11 o 10 volts e non degli alimentatori che hanno un comando remoto con il quale si regola sempre e diversamente la luminosità (dimmer).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhhhh, i quadrati sono concentrici, allora ok. I 3014 120led/m vanno bene. Il quadrato più piccolo lo puoi alimentare da un solo punto, per gli altri devi mettere la corrente ai due angoli opposti, ed ogni angolo alimenterà due lati. Se la realizzi mandami qualche foto in email da accesa per curiosità.

      Elimina
  29. Ciao Pietro,
    complimenti per le utilissime informazioni.
    Sono intenzionato a installare un po' di strisce 3014: sottopensili, armadio etc... per cominciare.
    Vorrei qualche delucidazione circa gli alimentatori. Quelli di cui parli tu sono col contenitore metallico traforato? Quelli plastici vanno bene lo stesso? La scelta può dipendere dall'applicazione.
    Non mi è chiaro il consiglio sugli alimentatori 'regolabili' di cui parli in una risposta. Cioè, intendi, regolabili in tensione da far lavorare un po' al di sotto dei 12V? Il motivo? Salvaguardare i led o l'alimentatore stesso?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Entro fine mese scriverò un articolo di aggiornamento, lo avrei dovuto scrivere già da Gennaio ma ho avuto vari imprevisti.
      Alla fine dell'articolo trovi i link alle ricerche ebay dei vari alimentatori. Se la zona dove metterai l'alimentatore non è raggiungibile accidentalmente e non è molto umida usa quelli regolabili, altrimenti quelli sigillati in materiale plastico. Con quelli regolabili puoi diminuire un po' la tensione di lavoro e quindi la luminosità, led saranno più freddi e durano di più. Con gli alimentatori 12v 5A mi sono trovato bene e si sono rivelati affidabili, quelli di amperaggio maggiore no.

      Elimina
  30. Ciao Pietro, innanzitutto complimenti per il blog e per la tua preparazione.
    In Sala ho un lampadario con 2 lampade (penso che siano al neon perche sono curve e con attacco G9) da 36 Watt che molto frequentemente si bruciano.
    Ho comprato un pezzo di policarbonato a specchio 50X50 con l'intento di voler realizzare un lampadario a led.
    Fatto la quadrettatura sul lato della carta per l'inserimento di 36 lampade (attacco G4) da 2 watt ognuna.
    Ti confesso che mi sono perso nelle innumerevoli offerte di una ditta (che ovviamente non cito) e non so prendere una decisione.
    Il lampadario è pronto, l'impianto elettrico attuato e le lampade?
    Vorrei poter avere la stessa luce delle 2 lampade attuali e mi piacerebbe anche che fosse a luce fredda.
    Non so proprio come decidere:

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti consiglio di lasciar perdere, leggi l'altro mio articolo sulle G4... se le eviti è meglio. Cerca di rivedere tutta la struttura in modo da usare varie E27 o E14

      Elimina
  31. ciao complimenti per tutto, in giro ci sono molti montatori che non conoscono neanche i diversi tipi di strisce..
    Vorrei un consiglio, in soggiorno tengo 2 feritoie illuminate con 2 strisce da 600 led smd5050 collegate ognuna ad un alimentatore da 12v e da 2 A, visto che vorrei avere più luce cosa mi consigli e come alimentarle??
    Da ebay avevo visto due strisce una 168leds/m e una 205leds/m entrambe smd3014, quale mi consigli anche perche non riesco a capire quanto consumano??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mandami un'email con più informazioni, se hai disegni tecnici o almeno delle foto con una descrizione delle dimensioni... con questi pochi dati che hai detto non ti si può consigliare nulla.

      Elimina
  32. Prima di tutto ti ringrazio e ti faccio i complimenti per le tantissime informazioni chiare, precise e per l'auto che dai.
    Vorrei installare delle strisce led in un armadio e mi piacerebbe avere un sistema di accensione e spegnimento automatico.
    Ho visto che vi sono vari sensori a raggi infrarossi, ma da quello che ho capito, per quanto poco, consumano sempre corrente e questo non mi piace.
    Pensavo quindi a un sistema a magneti. Ne ho visti per i sistemi di allarme antifurto, tipo questi:
    http://www.anteipaolucci.it/41440-rivelatori-magnetici
    Potrebbe funzionare? Nel caso vanno messi tra led e trasformatore, oppure tra presa elettrica e trasformatore?
    Consigli? Alternative?
    Grazie ancora e ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi necessariamente interrompere la corrente che va all'alimentatore! Non si lascia l'alimentatore collegato alla rete se non vi è un carico, altrimenti consumerai sempre un po' di corrente.
      Fatta questa premessa devi fare in modo che un pulsante o un interruttore per la 220v che venga azionato dall'anta. Devi fare un lavoro fatto bene, isolando bene il tutto. Non è semplicissimo e dovresti chiederti se ne vale la pena. Un interruttore messo in una posizione tale che sia comodo da azionare con la mano credo sia una soluzione più pratica.

      Elimina
    2. Visto il costo irrisorio proverò con uno di quei contatti magnetici (isolando bene con guaine termorestringenti).
      O forse meglio un contatto meccanico, se lo trovo: una specie di pulsante che finchè è premuto dall'anta chiusa, resta in posizione off e che dà corrente quando l'anta si apre.
      Ti farò sapere!
      Grazie ancora

      Elimina
    3. Assicurati di prenderne uno per la 220v.
      NON collegare la tensione di rete ad uno di quelli progettati per la 24v !

      Elimina
  33. Ciao Pietro, complimenti per l'articolo interessantissimo.
    Volevo realizzare un lampadario per un negozio di abbigliamento tipo pannello da agganciare al soffitto tramite 4 cavi.
    la mia idea era quella di utilizzare 2 strisce da 5 metri tagliate a pezzi da 50cm per un totale di 20 strisce e collegarle tra di loro in due gruppi con 2 alimentattori in modo da ottenere 2 linee distinte.
    Se la mia idea è giusta, accendendo solo 10 strice dovrei avere circa 6000 Lumen e accendendo le altre 10 ne dovrei avere 12000 di Lumen.
    Se punto questo faro verso terra da un'altezza di 3 metri rischio di accecare la gente che vi passa sotto?
    Vanno bene 2 alimentatori da 5A?
    I collegamenti delle strisce vanno fatte in parallelo e se si con cavo di quale sezione?
    Grazie anticipatamente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 20 spezzoni da 0.5m di 3014 120led/m, messe in parallelo ti consumano poco più di 11A metti 3 fasi e comanda il tutto con 3 interruttori. I lumen emessi dovrebbero essere quelli più o meno, ma saranno ridotti dal pannello diffusore.

      Quanto pensi di farlo grande il pannello? Immagino almeno 2x2m... In ogni caso è una soluzione che ti sconsiglio. Non mi sembra adatta ad un negozio. Magari mandami un'email con qualche dettaglio in più.

      Elimina
  34. Ciao Pietro, di fasi ne ho solo due perché andrò a sostituire un altro lampadario comandato da 2 interruttori.
    Per quanto riguarda le dimensioni io sinceramente avevo pensato di non andare oltre i 50cmX50cm con le strisce distanti le une dalle altre 1cm.
    Ho dimenticato di precisare che nella stessa stanza (da 20mq) ci sono anche 2 faretti agli alogenuri da 150w ciascuno che sparano luce verso il tetto a volta, ma che restituiscono pochissimi lux al suolo.
    Questo lampadario a led dovrebbe essere di supporto ai 2 faretti e poter così portare circa 500 lux sul piano di lavoro e sugli scaffali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciò che vuoi fare non è realizzabile e la luce sarà eccessiva sotto quel quadrato. Prendi una plafoniera a sospensione con due T8 da 1.2m e dentro gli metti due SubstiTUBE Advanced e dovrebbe bastare.

      Elimina
  35. buongiorno pietro, vorrei approfittare della sua esperienza e disponibilità, per chiedere un'info.
    vorrei illuminare il contorno del soffitto della stanza di mio figlio (3x4 m) con delle strip rgb. avrei quindi bisogno di 14 metri di led. mi consiglia di usare un unico alimentatore da 20 A, o meglio più alimentatori da 5 A? in tal caso, come mi consiglia di collegarli?
    grazie,
    alessandro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai una veletta simile a quella dell'ultima foto? Ispirati dall'esempio della cucina per i collegamenti.
      Io ti sconsiglio di usare l'illuminazione RGB per la stanza da letto, dopo un po' si stufa dei colori e vorrà solo una luce bianca. Ma se proprio vuoi usarla devi prendere un controller e poi vari amplificatori di segnale. Meglio se usi vari alimentatori da 5A. Ho messo le ricerche ebay dei vari pezzi in fondo all'articolo. Se qualcosa non è chiara mandami un'email.

      Elimina
  36. ciao Pietro complimento per le informazioni utili che dai.
    Volelo sottoporti il mio caso. Sto per realizzare a casa nella zona soggiorno (dim 5X5 m) un sistema di illuminazione costituito da un telo barrisol (dim 2,4X2,4 m centrato rispetto alla stanza e ad una distanza di 30cm dal soffitto) a filo di cartongesso con delle strisce led. Avevo pensato a posizionare 8 binari in alluminio di lunghezza 226 mm parallele ad una distanza tra loro di 26mm.
    Stavo appunto valutando un po’ i materiali da utilizzare e mi sono imbattuto sul tuo blog. Ritieni corretta la mia impostazione; che tipologia di led dovrei usare e, viste le cadute di tensione, pensi che le strische led su ciascun binario devono essere 2 (226/2)?
    Mi stavo poi orientando su led a 24volt, cosa ne pensi?
    Saluti
    Vincenzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai la versione classica dei teli Barrisol non puoi illuminarli da dietro, perché non fanno passare la luce. Se ti piacciono puoi prendere le loro lampade già fatte. Chi usa i loro teli li considera come se fossero cartongesso, ed ai bordi del telo si installa una veletta per illuminare la faccia a vista del telo. Magari mandami un'email con un disegno di cosa stai per fare e saprò dirti meglio.

      Elimina
  37. Ciao Pietro, grazie mille per il tuo prezioso e dettagliiato articolo!

    Secondo te i test che hai eseguito sulle strisce a led sono raffrontabili alla pari con le lampade a led SMD. Nello specifico sono da preferire quelle con 3014 anzichè 5630?

    Volevo comunque segnalarti che su wikipedia (http://en.wikipedia.org/wiki/SMD_LED_Module) le SMD 5630 vengono indicate con la presenza del dissipatore (heat sink) differentemente da quanto scrivi. La ragione della durata minore è allora da ricercare in altro? Ad esempio cattiva alimentazione, ecc?

    Infine cosa ne pensi delle 5730 vs. 3014?

    Grazie mille
    Francesco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella tabella su wikipedia riporta correttamente che gli unici formati ad avere il dissipatore a contatto con il chip sono i 3014 e 2835.
      La tabella per il resto serve a poco o nulla, considera che hanno preso come sorgente dei dati i venditori su alibaba che spesso hanno un'affidabilità pari a zero nella descrizione dei prodotti ;-)

      Le lampade di solito non indicano il tipo di led prodotto, se ti riferisci a quelle cinesi con indicati i led... di solito sono da evitare... quando portano le offerte alla Lidl, meglio prendere quelle... vedi l'altro articolo sulle lampadine Lidl.
      Non ho avuto accesso alla stanza per fare le foto di confronto, ma se tutto va bene tra una settimana scrivo un articolo di aggiornamento con le strisce 2835.

      Elimina
    2. Nelle lampade prodotte con SMD è indicato il tipo di led. Quasi tutti i prodotti a LED vengono da Cina. Ad esempio V-Tac (Inglese) commercializza lampade led di alta qualità ma sono made in Cina...quindi non è più indicativo per dire = scadente.

      Le lampade di cui parlo sono quelle con led a vista (esattamente come quelle delle strisce che hai testato). Il principale problema di queste lampade è proprio la dissipazione del calore (dato che hanno concentrati numerosi chip in un piccolo spazio). Per questa ragione hanno immesso in commercio da poco lampade fatte con i nuovi chip 2835 saldati su struttura in alluminio per favorire ulteriormente la dissipazione del calore. Sembrano stiano funzionando molto bene.. sarebbe interessante per tanti se riuscissi a rencesire anche quelle :-)

      Elimina
    3. Immaginavo ti riferissi alle lampadine a pannocchia in vendita direttamente dalla Cina, quelle evitale non c'è altro da dire.
      Alcuni test indipendenti li trovi su www.olino.org/advice/us
      In generale il formato 5630 viene abbandonato in favore del 2835 quando serve una maggiore potenza, mentre per il resto si usano i 3014. Non sono aggiornato sulla V-TAC, ma prima era un semplice importatore come la OWIM e non progettava nulla. L'interno di alcune V-TAC è lo stesso della Lidl che trovi in queste pagine, solo che alla Lidl costa meno.

      Elimina
    4. Le lampade a pannocchia sono costruite nello stesso modo (in piccolo) delle lampadine G4, G9, ecc..

      Il tuo si tratta di un giudizio basato su una sensazione personale o sono stati publicati dei test sulle lampade a pannocchia che è possibile leggere?

      Io ho avuto riscontri totalmente differenti, le prime lampade a pannocchia non avevano lunga vita a causa del surriscaldamento, ma le nuove con telaio in alluminio e led 2835 ho letto siano affidabili..

      Elimina
    5. Non scrivo nulla basandomi su pregiudizi. Anche le G4 a pannocchia sono da evitare... ho provato anche quelle, le uniche mezze decenti sono con led COB ed ho messo una recensione in queste pagine. Ma al momento non c'è nessuna G4 a led valida per sostituire le alogene.
      Test su lampade a pannocchia esplicitamente con i 2835 non me ne ricordo, ma test di alcune lampade a pannocchia li trovi anche su olino. In ogni caso la struttura a pannocchia è da evitare, il corpo dissipante come quello di alcune V-TAC che conosci è più efficiente.

      Elimina
    6. ''Non scrivo nulla basandomi su pregiudizi''....
      dipende dalla quantità, qualità costruttiva e della marca dei corpi illuminanti che hai testato.. ma se la tua opinione riguardo le strip led 5630 fosse vera, costruttori noti come Samsung, Epistar, Seul ect avrebbero ritirato dal mercato tutti gli smd 5630... o che gli alimentatori da 5A sono più affidabili di alimentatori da 20A.... non basarti su test in piccole quantità di componenti dalla dubbia provenienza. Si parla molto di dissipazione termica e relative prestazioni dei vari smd, ma in qualsiasi lampada la parte che si danneggia prima è il driver di pilotaggio. Infatti, sfarfallii, lampadine che non si accendono più etc... sono di gran lunga superiori di lampadine che perdono luminosità causa il led stesso. Sono molti i parametri da prendere in considerazione e normalmente il cuore di un corpo illuminante è proprio il driver.

      Elimina
    7. Per i tipi di led, guarda i loro listini, e vedi quali tipi di led hanno ottenuto la certificazione LM-80 e quali sono considerati obsoleti.

      Mediamente nella fascia economica meglio prendere 2 alimentatori da 5A rispetto ad uno da 10A. Ma anche senza guardare al prezzo, mettere due piccoli ha altri vantaggi.

      Molte lampadine hanno i driver dentro il corpo di alluminio alettato, si fa ciò per tenerlo ad una temperatura più bassa (ho messo una foto apposta) nell'altro articolo.

      Elimina
    8. La maggior parte delle informazioni che scrivi sono corrette, su questo non discuto, però a volte hai troppi pregiudizi... come ad esempio: le strip led RGB che dopo un po ''stufano''. Dipende, questa è una affermazione soggettiva.
      Per quanto riguarda le certificazioni anche qui è da stare attenti. Vengono certificati CE - Rohs - FCC prodotti che poi successivamente vengo apportate delle modifiche e non vengono nuovamente certificati. Spesso la certificazione è come l'etichetta incollata dal cinese nei vari prodotti che.. di CE non ha nulla.
      Si, vero, mediamente negli alimentatori di fascia bassa sono più resistenti quelli di minor amperaggio ma molte volte non si più fare a meno di alimentatori di elevata potenza e quando si necessita di un sistema che deve durare nel tempo, meglio acquistare alimentari seri come i Meanwell.
      La qualità costruttiva e dei driver centra poco con la dissipazione termica. Però è anche vero che se il corpo illuminante ha un driver esterno e non integrato nella struttura del corpo illuminante mediamente dura di più.

      Elimina
    9. Ho solo detto che a mio avviso le RGB vanno bene in un negozio o se si vuole ricreare un ambiente particolare (ad esempio comandato dalla musica). Si danno consigli in base alla propria esperienza, ed io ho incontrato troppe persone che hanno tolto le RGB dopo il primo periodo di novità. Se vedi uno che sta per fare una cosa che secondo te non è adatta, tu hai il dovere di avvisarlo... almeno può essere consapevole e pensarci bene.

      Nei driver risparmiano principalmente usando condensatori di bassissima qualità, ed i condensatori più si scaldano e meno durano.

      Elimina
  38. Ciao Pietro, una curiosità, se volessi alimentare una striscia di 5m senza tagliarla potrei portare l'alimentazione ai due poli della striscia e altri due fili saldati al centro a 2,5m? In questo modo si rischia di bruciare qualcosa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, puoi... ma non ne vedo il motivo. Se non la tagli in due hai solo complicazioni e nessun vantaggio.

      Elimina
  39. Ciao Pietro, volevo chiederti se come dissipazione del calore di strisce 3014 va bene una piattina di alluminio larga 6cm e spessa 2mm.
    In una piattina da 6cm quante strisce da 0,8mm posso mettere per garantire una buona dissipazione del calore?
    Grazie per la risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scrivimi un'email spiegandomi meglio cosa vuoi illuminare. A volte il profilo di metallo non serve, spesso se vuoi risparmiare ti conviene andare in un'officina metallica della tua città e prendere dei rettangolini di lamierino zincato che costano quasi nulla.
      Se pensi di mettere più di due strisce vicine forse creerai un effetto forno, ed anche aumentando il dissipatore metallico non ci saranno benefici.

      Elimina
    2. Ciao Pietro, questa foto è un'anticipazione di quello che sto realizzando...
      https://www.dropbox.com/sc/kinmzcgi1phsb9e/AACYFH2kRaEIjBSf1ampgnKra

      Elimina
    3. e anche questa...
      https://www.dropbox.com/sc/qp7nteczhqyq0er/AAAYfvrFl2eRy-hyncOKaHJsa

      Elimina
    4. scrivimi in email che non ricordo la tua...

      Elimina
  40. Ciao Pietro approfitto della tua disponibilità e conoscenza per porti questi due quesiti!! Sto costruendo una veletta in cartongesso lungo tutto il perimetro del mio salotto e vorrei inserire all'interno tramite profili in alluminio in diagonale una striscia led 3014 per un totale di circa 18ml! Le mie domande sono queste... Meglio una striscia a 12v o 220v o è indifferente?? Cosa cambia tra le due?? Nell'eventualità tu mi dica meglio l'alimentatore quanti ne dovrei comprare?? Non voglio molta luce in quanto la utilizzerei solo come luce da riposo/relax!! Sempre se dici meglio l'alimentatore se prendo quello con regolatore significa che posso aumentare la luminosità tramite i dimer che già ho per le lapadine tradiZionali!! Grazie per la considerazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mandami un'email con la sezione della veletta e saprò dirti meglio. Le strisce a 220v evitale. I dimmer per lampade a filamento non vanno bene per regolare gli alimentatori switching.

      Elimina
    2. Domanda veloce veloce.. Se acquisto 4 strisce led 3014 12v 5A, mi basta acquistare 2 alimentatori 12v 10A per alimentarle tutte o dovrei acquistarne due più potenti? Grazie

      Elimina
    3. Alla luce dei consumi che ho riportato sopra, non ha molto senso dire striscia 12v 5A. In ogni caso se ho messo i link alle ricerche ebay per gli alimentatori da 5A e non da 10A è perché i primi si sono rivelati più affidabili, quindi meglio usare quelli.

      Elimina
  41. Ciao Pietro, ringrazio di essere giunto in questo blog prima di procedere all'acquisto..
    Ti chiedo un parere. Vorrei illuminare un cortile all'aperto creando atmosfera ed un minimo di luminosità adatta per cenare. I muri perimetrali misurano 4m i due laterali e 5m il frontale. Il pavimento è in pietra e lungo il bordo del medesimo ho lasciato un piccolo corridoio di 25 cm e profondo circa 2 cm, in cui ho posizionato delle pietroline bianche da decoro adagiate (non incollate). Vorrei sfruttare dei led per colorare (cambiacolore) le pareti laterali e la parete frontale. Ti chiedo, alla luce della tua pluriennale esperienza, cosa mi conviene acquistare (tipologia di led (5050 ip 65?) ed eventuali altri materiali(telecomando, dimmer, kit già pronti?), dove posizionare i led (adagiati sul pavimento che illuminino le pareti da basso verso l'alto, oppure in qualche maniera fissati al muro e che dunque illuminino la parete dall'alto verso il basso), considerando le dimensioni, il fatto che trattasi di un giardino esposto alle intemperie e che mi piacerebbe avere non solo un effetto decorativo cambia colore ma anche una visibilità adeguata per poter cenare in giardino durante l'estate.
    Ti ringrazio in anticipo e complimenti per la passione con la quale tratti l'argomento. Alessio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A meno che le pareti non siano molto alte non riuscirai ad illuminare in modo adeguato un tavolo (immagino posto al centro) per la cena. L'illuminazione dal basso è sicuramente da scartare, può andare bene solo per dei segnapasso altrimenti è fastidiosa.
      Mandami qualche foto in email e provo darti qualche altra opzione.

      Elimina
  42. Ho letto l'articolo e devo dire che è molto interessante per chi, come me, si appresta a comprare dei led. Ho dato un'occhiata a ebay e ho visto che la maggior parte delle inserzioni, per non dire quasi tutte, propongono solo 2 scelte: warm white e cold white, ovvero 2700k e 6500k. E' molto difficile trovare il natural white (4000k) se non in strisce particolari come quelle da 168 o più led al metro che però rendono gli alimentatori da 5A insufficienti per tutta la striscia (servono almeno 7A).
    Quello che vorrei capire è se queste strisce super-cinesi che si trovano su ebay sono veramente bianche oppure se tendono al blu o al verde. In tal caso allora forse è meglio prendere il bianco caldo che però viene percepito come meno luminoso.

    Grazie e complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come già detto, se per te è importante avere i 4000°K ti conviene rivolgerti ai ledtube. Spesso le strisce warm white che ti arrivano sono sui 300°K, le altre sono da evitare perché la qualità è pessima e spesso hanno una dominante bluastra.
      Il bianco caldo NON viene percepito come meno luminoso, è il contrario.

      Elimina
    2. Le ho prese ieri su ebay. Nell'inserzione è scritto "nature white" anche se dalla foto sembrano freddine. Però dovendole mettere in uno specchio, forse è meglio così. Speriamo bene!

      Elimina
  43. Ciao Pietro,
    sto costruendo delle applique artigianali, utilizzando strip led (dei parallelepipedi in lamiera verniciata che nascondono due piatti di alluminio con incollati pezzi di strip led, che fanno luce sia verso l'alto che verso il basso).
    Ho fatto una prima prova con led 5630 e mettendo strisce per 36 led (18W) in un quadrato di alluminio 8x8cm questo si scalda tantissimo (scotta, non si riesce a toccarlo, immagino sia attorno agli 80-90°C), mentre mettendo strisce per 12 led (6W), è caldo ma si riesce a toccarlo (50°C?? prenderò un termometro da cucina..)..solo che la luce è troppo poca, mentre con 36 led è favolosa (considerando di mettere 4 applique del genere in ogni camera illuminerebbe bene)
    Tra l'altro ho preso una bobina da un produttore tedesco (ma made in china), pagandoli uno sproposito..se scaldano così tanto, non credo che la (presunta) qualità superiore ne allunghi la vita di molto..quinti totalmente ingiustificati..
    Sono parecchio sorpreso, ho visto altre applique commercali a led(non so che chip) e sono praticamente a temperatura ambiente, pur facendo molta luce.
    Leggendo il blog vedo che il chip 5630 scalda molto..ma guardando le caratteristiche che si trovano in rete, ha lo stesso ordine di grandezza di lumen/W di altri chip quali il 3014 o il 2835..quindi non mi aspetto che cambiando tipologia di chip la situazione migliori sensibilmente (a parità di W e/o luminosità)..o sbaglio? hai mai misurato le temperature dei profili su cui incolli le strip? se si, che valori hai ottenuto?
    Attendo con curiosità la recensione delle strip 2835..forse con quelle potrei riempire i piatti di alluminio e pareggiare la luminosità dei 5630..con i 3014 dubito di farcela..
    Ho notato una discordanza tra quanto scrivi e quel che si trova in rete..qui leggo che il chip 5630 non ha il dissipatore di calore sul retro, mentre in rete leggo che ne è provvisto..forse i primi modelli che hai testato non lo avevano? visti i risultati, dubito tu li abbia mai ricomprati..
    grazie in anticipo e complimenti
    Mauro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il package standard 5630 NON ha il dissipatore collegato al chip. Le strisce con led 5630 andrebbero evitate, ed in ogni caso vi era l'avvertenza di mettere su un dissipatore. In rete qualcuno avrà capito male ed avrà scritto che vi è un dissipatore, ma è sbagliato.

      Purtroppo al momento devo finire altri lavori, ma ti anticipo che non puoi dissipare 18w in uno spazio di soli 8x8cm. Mandami un'email con l'applique che hai visto e saprò dirti meglio. Di solito montano led di potenza con adeguato dissipatore e pilotati a corrente costante, non di certo le strisce...

      Elimina
    2. Io ho realizzato una lampada a sospensione da 40x40 in alluminio con 68w di led 3014 e misurando la temperatura dell'alluminio con un termometro da cucina, questo raggiungeva i 51° a 11,5v. Per abbassare le temperature ho messo nella parte superiore de lampadario 2 ventole da pc da 120mm che sparano aria sull'alluminio e in questomodo ho sstabilizzato le temperature a 31°.

      Elimina
  44. io sono anni che sono passato alle lampade a led piatte o panel (tonde, quadre) con 15 cm si realizzano 16W con i nostri 3014. la resa è ottima e con 1 lampada si illumina una stanza da letto. in salotto ne ho 2 WW un po' distanziate e scrivo e studio perfettamente (190lux), mentre in cucina ne ho 2 NW (250lux). sono più comode delle strisce in quanto pronte all'uso 220V con alimentatore ad alta efficienza fornito e alimentate da 36v a 48v invece dei 12V classici (meno corrente, fili più sottili)

    RispondiElimina
  45. Grazie e complimenti per l'ottima guida.
    Mi sto mettendo all'opera...
    Pietro vorrei avere un consiglio, il mio salotto misura circa 5mt x 4mt e in due pareti ho le finestre (per un utile di 15 mt lineare di illuminazione).
    Quest'estate ho eliminato i vecchi neon che avevo installato molti anni fa dentro la cornice in gesso e alimentando il tutto con due interruttori.
    Adesso vorrei mettermi all'opera e avrei acquistato su ebay 15 mt di striscie con led 3014. Credi che siano sufficenti per avere una buona illuminazione oppure ne devo mettere un'altra in parallelo?
    Per eliminare il problema di caduta di tensione si possono alimentare le strisce da ambedue le parti?
    Grazie e a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se hai preso delle buone strisce 3014 da 120led/m, allora avrai più luce rispetto ai neon.
      Puoi alimentarle ai due lati, ma nel tuo caso non vedo vantaggi. Meglio tagliarle massimo ogni 1.5 - 2m ed alimentare i vari spezzoni da un lato, in questo modo sono più facili da posizionare. I dati di consumo li trovi sopra. Usa alimentatori regolabili da 12v 5a e cavi di sezione adeguata.

      Ovviamente gli interruttori dovranno comandare le fasi che vanno ai trasformatori. Lo scrivo perché mi è capitato un caso in cui una persona aveva preso un alimentatore da 30A e, lasciandolo sempre sotto tensione, aveva messo un interruttore in uscita... una follia.
      Se avete dubbi chiedete sempre prima di fare qualcosa!

      Elimina
    2. Purtroppo per le strisce va un po' a fortuna. Anche dallo stesso venditore possono capitare quelle un po' peggio a distanza di tempo. Di solito però quelle 3014 NW sono quelle che hanno maggiori possibilità di riuscire bene.
      Il trasformatore regolabile è quello forato con la vite di regolazione, è utile per diminuire la luminosità. Al solito quelli da 12v5a sono quelli che si sono dimostrati i più affidabili. Mi riferisco a quelli economici dalla Cina.

      Elimina
  46. Buonasera, ho letto con molto interesse l' articolo trovandolo molto interessante.
    Sono molto interessato alla tecnologia LED e vorrei sfruttare le sue conoscenze a riguardo.
    Ho un acquario che vorrei illuminare a Led.
    Calcolando che il mio monta 2 neon t5 da 39 w vorrei capire che tipo di led, e di quale potenza dovrei montare per ottenere la stessa luminosità dei 2 t5.
    Ho letto di tutto e di più senza riuscire a capirci molto. C'è chi parla di almeno 50 lumen x litro ma così facendo il consumo energetico sarebbe superiore che con i neon.
    Allo stato attuale con i neon i watt x litro sono pari a 0,33
    L' acquario è da 240 litri
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con i due T5 da 39w che hai attualmente generi un flusso luminoso di 5700lm +o-. Puoi sostituirli con tubi a led T5 che abbiano un flusso totale sui 4000lm considerando che saranno direzionali. Non ha senso dire che ti servono tot W/litro perchè l'efficienza delle lampade varia. Scrivimi in email se ti servono altri dettagli.

      Elimina
  47. Ciao Pietro, hai ancora installate le strip con i led 3014 ?
    Come luminosità vanno ancora bene ? quanto hanno lavorato ?
    Ho appena speso un bel po' in molte strisce v-tac 2405 quelle 3014 da 204 led metro, 4000° ci avevo costruito la lampada a sospensione per il pranzo, ora sto ristrutturando casa e ci faro' tutte le luci e velette . speriamo bene !!
    confermo circa i tuoi dati sui consumi,
    una striscia da 5 mt di 3014 204 led/metro consuma 3,2 A , quindi circa 38 W mentre un solo metro consuma 1,3 A , quindi 15,6 w ben meno comunque di quanto dichiarato ( a volte 18 a volte 20 w /mt...)
    Ho comprato anche una striscia di 2835 a 24 volts da 600 led , bella, consuma 2,7 A a 24 v 65 w non ho misurato il metro secco . ma sul blister dichiarava 120w 5mt .. anche qui l'ottimismo impera.
    La cosa strana è che a occhio la 2835 sembra solo di poco più luminosa della 3014 ... forse c'è differenza di rendimento . mah.
    Comunque sulle strip led c'è una giungla, spesso quelle costose sono le stesse cinesi fatte pagare il triplo o più !! e stesso anche su faretti/plafoniere.
    Grazie Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, lo avevo scritto, spesso se le compri in Europa ti danno fregature perché spesso ti rifilano strisce scadenti a prezzi elevati.
      Io per prenderle uso le ricerche che ho messo a fine articolo, ma ho notato che scegliendo le strisce Nature White si ha di solito la qualità migliore e la striscia viene un paio di euro in più.
      Le strisce 3014 della foto le ho appena tolte (erano ancora buone), sostituite con 2835 e poi dei tubi a led Lidl, a breve scrivo un articolo.
      Quando sono usciti alla Lidl li avevo segnalati, per le velette avresti fatto meglio a prendere quelli. Le strisce a led V-TAC non hanno un buon rapporto qualità/prezzo e nessuna striscia ha la stessa affidabilità di un tubo a led.

      Elimina
  48. Buongiorno Pietro. Sono molto ignorante in materia di led strips e ho da poco iniziato a documentarmi perché vorrei installarne sia in cucina sottopensile per illuminare bene tutti i piani di lavoro e lavello, che in camera da letto, sempre sottopensile, per illuminarmi bene la scrivania dove studio e lavoro. Ho letto in uno dei vari commenti riguardanti la cucina che consigliavi delle 3014 o 2835 WW dimmerate (13 dicembre 2014 la conversazione). Siccome ho letto nell'ultimo commento che lei ha installato di recente delle 2835, volevo chiederle se, con il poco tempo da cui le ha, ha notato differenze che possano far propendere più per una scelta che per l'altra per la mia situazione.
    Per darle delle misure:
    - la cucina è ad angolo con misure 275x(90+105) (90+105 si riferisce al fatto che dall'angolo parte un pezzo lungo 90 cm dopo il quale c'è la cappa del piano cottura che però è su un altro livello da terra, ragion per cui pensavo di interrompere qui la striscia, mentre dopo la cappa c'è un altro pezzo da 105). Sempre nell'angolo è poi posizionato un televisore che più o meno occupa 60 cm su entrambe i lati. E' il caso di evitare la striscia led in questo punto a suo parere?
    - la camera ha un pensile unico e dritto di larghezza 180 cm. E' giusto pensare allo stesso tipo di configurazione della cucina sia in termini di impianto che di colorazione?
    La ringrazio in anticipo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrei scrivere un articolo di aggiornamento, ma fino ad ora non ne ho avuto il tempo. Da allora ho preso varie strisce su ebay sia 3014 che 2835, in base alla mia esperienza le strisce 3014 120led/m NW costano circa due dollari in più rispetto alle WW, ma sono quelle che di solito riescono meglio. Ovviamente qualsiasi striscia prendi, va presa NON waterproof. Le 2835 non presentano migliorie in termini di efficienza o durata rispetto alle 3014.

      Le strisce a led dietro il televisore penso che le puoi evitare. Metti un supporto in alluminio con copertura in modo da fare qualcosa di gradevole e non avrai problemi. Evita le strisce carissime che ti vendono alcuni in Italia perché specialmente con gli attuali prezzi dei tubi a led non hanno senso.
      Se ti servono consigli per la realizzazione nel dettaglio mandami un'email.

      Elimina
  49. Salve Pietro,
    premetto che il suo lavoro/test su queste striscie led e' spettacolare e le faccio i miei complimenti (ogni tanto qualche guida seria su web si trova per fortuna), pero' per permettere a chi legge di essere ancora piu' consapevole nella scelta soprattutto della lunghezza in relazione alla potenza di alimentazione, credo sia opportuno che nei rilievi di consumo di corrente che ha fatto vada inserito anche il rispettivo valore di tensione misurato sull'alimentazione.
    Questo perche' incrociando un po' i dati che ha rilevato sui consumi credo ci sia qualcosa che non quadra. Secondo me l'alimentatore che ha usato per fare quelle prove non generava 12V costanti in tutte le condizioni previste, soprattutto sell'alimentatore e' regolabile/a corrente costante.
    Infine consiglia l'uso degli alimentatori regolabili da 5A soprattutto rispetto a quelli piu' potenti, potrebbe essere piu' esplicito?
    Perche' rispetto agli alimentatori da 5A che costano circa 0,2€/W quelli ad esempio da 15A costano gia' circa il 20% in meno (0,15€/W) e quelli da 20A circa la meta' 0,1€W. Magari oltre al costo sarebbe interessante valutare anche l'efficienza.

    Grazie per il prezioso contributo

    RispondiElimina
  50. PS
    Dimenticavo, magari se effettivamente ci fossero problemi cosi' grossi di resistenza delle piste di rame basterebbe saldare dei fili rigidi tipo quelli del doppino telefonico per aumentare la portata e diminuire la caduta fra inizio e fine strip, cosi' da evitare di inserire nel progetto svariati alimentatori da 5A ogni 1/2m come consigliato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho scritto, i valori di consumo che ho riportato sono riferiti ad un'alimentazione di 12v. Ovviamente questo valore diminuisce lungo la striscia a causa della resistenza delle piste di rame.
      Non so cosa non ti è chiaro, ci possono essere piccole variazioni a seconda del modello di striscia, ma i valori sono quelli.

      Se l'ambiente dove va messo l'alimentatore non è molto umido/polveroso e non c'è pericolo di toccare l'alimentatore inavvertitamente, consiglio quello regolabile rispetto alla versione sigillata perché, in tal modo, è possibile regolare l'esatta quantità di luce che serve e magari non fare lavorare i led al 100% in modo da farli durare di più e stare a temperatura più bassa.
      Quelli da 5A è vero che hanno un costo per ampere maggiore rispetto a quelli di taglio maggiore, ma avendo preso un bel po' di questi alimentatori economici ho notato che quelli da 5A sono quelli che durano di più (di solito 3anni usandoli tutti i giorni per 8h), inoltre sono più piccoli ed è più facile posizionarli.
      A fine articolo ho messo le ricerche generiche di ebay per non favorire nessun venditore. L'ultimo da cui ho preso gli alimentatori regolabili ha i seguenti prezzi: 5A=8.47euro, 15A=18.13euro, 20A=22.1euro
      Quindi i costi per W non coincidono con i tuoi... per questi alimentatori economici aspettati un'efficienza massima dell'80%

      Non consiglio di mettere un alimentatore da 5A massimo ogni 2m, ma ho detto che l'alimentazione va ripetuta massimo ogni 2m, e quello è un valore limite! Come si può notare dai valori di consumo, se si vuole avere la massima illuminazione i pezzi vanno fatti da 50cm.
      Hai guardato lo schema della cucina quasi a fine articolo? In quello schema puoi notare che un alimentatore da 5A alimenta tre pezzi per complessivi 5m, e quella è la situazione limite.

      Elimina
    2. Si scusami rileggendomi ho scritto male un cosa, se confermi infatti che l'alimentazione l'hai regolata a 12V in tutte le situazioni la cosa che non mi torna e' che sul tratto da 5m siccome si perde meta' della potenza assorbita al metro la conseguenza e' che dovrebbe diminuire la luminosita' dei led in maniera evidente dai primi led collegati vicino l'alimentatore rispetto agli ultimi. Purtroppo non posso verificarlo perche' la mia striscia da 5m con i 5730 warm white (60led/m) collegato ad un solo alimentatore NON regolabile da 12V 72W non presenta problemi del genere ma e' anche vero che la uso poco. Mentre altre che ho da 5m col 5050 RGB (60led/m) collegate ognuna ad un solo alimentatore di quelli economici (tipo da pc portatile) da 36W pur funzionando da piu' di un anno per 15ore al giorno non sembra destare problemi di caduta fra il primo e l'ultimo led (solo lo scolorimento progressivo della parte gommosa trasparente).
      Puoi confermarmi quello che penso al riguardo della variazione di luminosita' fra inizio e fine?

      Grazie
      Ciao

      Elimina
    3. Indipendentemente se usi un alimentatore regolabile o meno, tutte le strisce da 5m hanno una caduta di tensione lungo la striscia. Lo puoi verificare con un tester.
      A causa di ciò i primi 3 led (quelli più vicini all'alimentazione) hanno una differenza di potenziale di 12v, gli ultimi 3 led quelli posti a quasi 5m avranno un voltaggio inferiore quindi fanno meno luce. Tutte le strisce hanno questo comportamento, pure le tue. Quelle con la traccia in rame più spessa e che funzionano a 24v hanno una caduta di tensione inferiore e funzionano meglio, ma anche loro presentano una caduta di tensione.
      I tubi a led sono più efficienti perché mettono i led in serie e li alimentano alla giusta corrente. Non si hanno tutte quelle resistenze che dissipano potenza inutilmente.

      Tu non ti accorgi della diminuzione di luminosità tra i primi led (più luminosi) e gli ultimi perché non l'hai misurata. Non guardare i led direttamente, che anche il meno luminoso basta per accecarti.
      Se isoli i primi led e gli fai una foto ad alta velocità, poi ripeti il procedimento per gli ultimi e confronti le foto, noterai una differenza molto evidente.
      Altrimenti fatti prestare un luxmetro ed avrai una misura più precisa.

      Altro esperimento che puoi fare è di illuminare una stanza con la tua bobina da 5m alimentata solo da un lato, e poi alimentandola ogni metro. La differenza sarà notevole.

      Elimina
  51. Una domanda sempre sulle strisce led..Ma se collego 2 pezzi da 2m in uscita dall'alimentatore ed una striscia la faccio passare sulla parete destra e l'altra su quella sinistra (per intenderci mantenendo l'alimentatore al centro delle due) la luminosità sarebbe dimezzata o resterebbe uguale come se collegassi i due pezzi ognuno ad un alimentatore? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta che li colleghi in parallelo e la tensione sarà la stessa. Dai un'occhiata agli schemi che ho postato. Ma se hai questi dubbi ti conviene farti aiutare da qualcuno.
      PS: gli spammer verranno bannati

      Elimina
  52. Salve,
    è stata molto interessante la lettura del blog, ma mi sono rimasti alcuni dubbi
    Sto ristrutturando il mio appartamento e nel salone 5,40 x 5,20 avevo una mensola in cartongesso su tutto il perimetro e sopra lampade fluorescenti da 16mm (credo T5) rivolte verso il soffitto con una accensione per parete.
    Una volta rimosso il cartongesso ci è piaciuta la nuova sensazione di spazio per cui abbiamo optato per non ricostruirlo ma inserire dei profili in due pareti (le 4 che avevamo prima erano esagerate, una era più che sufficiente per illuminare tutta la stanza) e abbiamo inserito dei profili nella parte parte alta dei muri, per cui le led strips dovrebbero essere posizionate a circa 15/20 cm dal soffitto per 4,90mt di lunghezza.
    Fatti due conti, prima avevo circa 20/25w per mt lineare lunghe circa 4,5mt, ora non so se prendere led strips 3014 da 60 o 120 led/m, per quanto riguarda il trasformatore mi semba di capire che un alimentatore da 5A si sufficiente per i 5mt con le strips da 60 led/m per quelle da 120 è poco? per l'installazione degli alimentatori ho messo una scatola di derivazione per ciascuna parete, quanto scaldano? metterne 2 in ciascuno potrebbe essere un problema?

    Grazie in anticipo
    G.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nell'articolo ho messo una foto di una veletta illuminata, quella è posta a 20cm dal soffitto.
      Per la tua stanza, se metti il profilo lungo le due pareti opposte hai una buona illuminazione usando le 3014 120led/m. Per ogni lato ti servono due alimentatori che non scaldano quasi per niente, devi dividere le strisce a pezzi da 1.5m massimo.
      Sopra ho messo le ricerche generiche di ebay per trovare le strisce, se scegli quelle NW hai buone probabilità che sia un buon prodotto, le altre di solito hanno qualità inferiore. Mettendo gli alimentatori regolabili puoi diminuire la luminosità.
      Valuta i led tube ormai i prezzi si sono abbassati e nel tuo caso forse sono più indicati.

      Elimina
  53. Il problema dei led tube è lo spazio. Nei muri ho già guide rimovibili in alluminio da 1mt ciascuna larghe 17mm quindi i T5 che sono 16mm ci vanno precisi ma poi per collegarli uno all'altro ho paura che si distanziano troppo lasciando dei vuoti di luce, per ovviare a tale problema le lampade fluorescenti le avevo affiancate ma ora lo spazio per farlo non credo di averlo.
    Usando le 2835 che non necessitano di trasformatore si possono coprire tratte più lunghe oppure vale lo stesso discorso?
    Il mio progetto attuale è quello di portare 2 linee di alimentazione, una per alimentatore, e dividere la parete in 4 parti da 1,2 mt circa se con le 2835 si possono coprire bene 2,5mt porterei la 220 al centro semplificando di molto l'installazione.

    RispondiElimina
  54. Evita le bobine da 220v, i led che usano hanno valori CRI molto bassi di solito. Fare 4 pezzi da 1.2 va bene. Fossi in te metterei lo stucco o un piccolo cartongesso a 20cm dal soffitto e profondo 10cm non ti farà sembrare la stanza più piccola e la luminosità dell'ambiente è migliore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avendo rimosso il controsoffitto, per eliminare la canna fumaria di un camino e un armadio a muro che chiudevano il soggiorno, volevamo evitare di rifare quello che avevamo e quindi abbiamo deciso di evitare mensole e controsoffitto ma volevamo mantenere mantenere la luce indiretta, per cui abbiamo optato per questi profili http://i64.tinypic.com/e6slfn.jpg che ci sembravano il giusto compromesso e a questo punto della ristrutturazione non posso più fare modifiche (siamo alla pittura)

      ma ora ho le idee decisamente molto chiare su cosa fare :)

      grazie di nuovo
      G.

      Elimina
    2. Uhm... quel tipo di profilo io l'ho inserito nei controsoffitti, per creare una luce direzionale verso il basso. Messo nella parete verticale non avrai il classico soffitto illuminato che fornisce luce indiretta. Il risultato sarà simile a mettere delle applique lungo tutta la parete.

      Elimina
  55. Pietro, ho letto tutto il suo iniziale articolo e tutti i post dal 2014 ad oggi e, essendo un neofita in tema "illuminazione led" devo ammettere che ho tanto da imparare e ho trovato tutto molto utile.
    Ho un problema riguardo una cabina armadio, percui vado subito al sodo esponendo la mia realtà:
    - stanza senza alcuna presa
    - luce stanza derivante da una sola applique a muro
    - armadio internamente buio, non sufficientemente illuminato.
    In pratica: vorrei inserire all'interno dell'armadio delle batterie da collegare a strip led e un interruttore on/off manuale ( mi piacerebbe a sensore ma ho già letto sopra un caso analogo e vado solo a complicarmi inutilmente la vita credo ....).
    Ho fatto alcune ricerche su ebay riguardo pacchi di batterie 12v al litio e affini (lifepo4 ad esempio)...ma sono molto combattuto su vari aspetti: amperaggio necessario, rischi di incendio, reale durata ecc ecc.
    Le strip necessarie sarebbero 3, ognuna da un metro e ognuna su ogni vano.
    E qui richiedo il suo consiglio: se si trovasse in una situazione simile, non avendo alcuna possibilità di collegamento a presa da muro (immaginando perciò una casa/stanza senza elettricità x assurdo)...come agirebbe? Che strip, tipo di batterie e collegamento metterebbe/farebbe?
    La ringrazio anticipatamente della risposta.
    Max

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Considera che una batteria al litio 3S (pacco da 3 in serie quindi 11.1v) da 4A ti viene sui 30euro. 1m di striscia collegato da entrambi i lati a quella batteria ti consumerà un po' meno di 1A, dovrai mettere un allarme per evitare che la batteria si scarichi troppo e caricarla dopo poco più di 3h di luce. Quindi 90euro per 3 batterie.
      Vale la pena?
      Passare un cavo elettrico e prendere la corrente da qualche parte non è proprio possibile?

      Elimina
  56. Ciao Pietro,
    ho letto il tuo post sulle strip LED ma non sono d'accordo su alcuni aspetti:
    prma di tutto non è il package del LED a determinare l'affidabilità di un prodotto ma il costruttore della strip. Voglio dire che una strip deve essere dimensionata e curata nei minimi dettagli per essere affidabile. Faccio alcuni esempi:
    - pcb in doppia faccia che sfrutta il lato inferiore (pieeno di rame) per evitare la caduta di tensione (ma anche per dissipare!);
    - spessore di rame, per lo stesso motivo di prima
    - tipo di kapton utilizzato (deve essere di materiale e finitura che resiste nel tempo)
    - biadesivo termoconduttivo utilizzato, minore è la resistenza termica maggiore è la dissipazione, ma allo stesso tempo deve aderire bene e restare attaccato nel tempo
    - condizioni di stoccaggio del materiale (pcb, adesivi e anche led) che non possono essere messi in un magazzino a temperatura e umidita qualsiasi; se succede ciò devono essere utilizzate apposite tecniche per riattivare e deumidificare il materiale
    - processo di assemblaggio smt, da capire se viengono rispettate le rampe di temperatura dei LED
    - e solo alla fine parliamo del LED (importantissimo, fondamentale elemento) che fa parte di un processo molto più grande del LED stesso

    Quindi escludendo il LED viene determinato il 70% dell'affidabilità e ovviamente del costo della strip. Ecco perchè se ne trovano da 10€ a bobina, da 20€ a bobina, da 50€ a bobina e da 200€ a bobina.

    Per quel che riguarda il LED, anche qui abbiamo differnze di prezzo abbissali perchè, solo per farti un esempio:
    - LED 3014 Osram costa 10
    - LED 3014 ******tronic costa 2 o 3
    Ma non è una differenza di brand, bensì di materiali utilizzati (un semplice nylon contro un EMC), la dimensione del chip

    Quindi anche LED dello stesso package possono avere differenze tecniche abissali.

    E qui entra in gioco di nuovo il costruttore che deve dimensionare e scegliere il LED adatto allo scopo, cercando le selezioni non solo cromatiche ma di tensione che permettano di non creare problemi all'utente finale.

    Quindi io non ne farei una questione di formato del LED. Secondo me invece non essendoci dei standard non solo di sicurezza ma anche prestazionali, viene venduto di tutto a prezzi incredibilmente bassi e creando una percezione negativa del prodotto.
    Questo per dire che il LED Samsung, deperisce sulla strip da te acquistata ma non sulle tv o su altre strip.
    Grazie comunque per aver condiviso la tua esperienza

    Mes

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho già scritto che a parità di formato vengono inseriti dei chip molto differenti. Ed a parità di altre condizioni il formato 5630 è ormai superato.
      Dire che con determinate strisce si ha una migliore dissipazione termica lungo le piste ha poco senso. Consigliare un certo materiare adesivo rispetto ad un altro per migliorare la dissipazione termica ha ancora meno senso, specialmente considerando il ridottissimo spessore di quel materiale. Tutte le persone che hanno fatto le prove di temperatura al variare di questi parametri lo sanno bene.

      Le strisce a led di questo tipo sono molto semplici: 3 led in serie ad una resistenza. La durata è data dal tipo di led usato, il resto è contorno. La parte che si rovina è il chip luminoso, non la pista o il resto. Chi sceglie il valore della resistenza lo fa in modo che nessun led si trovi a lavorare ad una tensione/corrente maggiore del consentito, invece a causa della caduta di tensione ci sono vari led che riceveranno meno corrente e quindi dureranno di più...

      La verità è che certe bobine vendute in Italia a 100euro hanno un senso solo per chi le vende, visto che si sta approfittando del compratore. Sono completamente fuori mercato, specialmente con i prezzi in costante discesa dei tubi a led certificati.

      Elimina
  57. Pietro ovviamente ciò che si deteriora è il LED, ma avere un PCB e un adesivo adeguato permette di disperdere velocemente la temperatura. Tu parlavi di colla a caldo ma non è assolutamente il modo di incollare una strip perché questa deve aderire bene al dissipatore.
    Quanto alle temperature, se il chip è robusto e il package è in EMC il LED non deteriora facilmente.
    Quello che tu chiami contorno è una cosa come il 60/70% di una strip, ma non solo per il costo. Una strip con PCB e rame dimensionati in modo adeguato arriva ad avere cadute di tensione ridicole perdendo davvero poca potenza e quindi restando con luce praticamente uniforme lungo la strip.
    Per non parlare poi delle strip con regolatori di corrente a bordo, ancora più performanti.
    Certo mi sono perso in tecnicismi che un utente inesperto non può conoscere e valutare, ma sono tecnicismi in cui non si perde uno che importa una bobina a 10 dollari e la rivende a 20/24€ quando con 10 dollari non compri 300 LED della Samsung... Il rivenditore deve, a mio avviso, essere onesto nel dare un effettivo valore al cliente. Per il prezzo certo cambia, magari quello che costa 100 oggi costerà 30 fra 3 anni ma non è colpa del rivenditore. Un 5630 costava 25 centesimi appena uscito, costa 5/6 centesimi oggi...
    Poi aggiungerei, la strip non è un tubo a LED (che fra l'altro ha materiali differenti, solo il PCB costa 1/4 a parità di superficie) e ha funzioni diverse dal tubo perché permette di ottenere effetti differenti. Il problema credo che sia il valore percepito della strip, che viene visto come un oggetto super economico a prescindere.
    Io ti consiglio invece di acquistare non da chi offre il miglior prezzo ma da chi ti offre maggiore garanzia. Ci sono rivenditori che offrono 5 anni di garanzia... Non sono degli sprovveduti.
    Per l'obsolescenza del 5630 diciamo che è Vecchiotti ma non superato, ma dal 3030, non dal 3014 che oltre ad avere dei limiti di potenza (non supera i 0,2w) è un prodotto sviluppato ormai solo da pochi brand.
    Il presente è il 3030 mentre il futuro sono i nuovi package in tecnologia flip chip, più potenti, più affidabili (non hanno ne package ne filo di bonding) e più economici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente mi riferivo a solo qualche punto di colla a caldo da mettere ai bordi, per assicurarsi di una perfetta tenuta.
      Chi le usa ed ha fatto le prove sa benissimo che la temperatura del led, al variare del PCB, cambia molto poco. Fai qualche test e te ne renderai conto. O meglio, ho notato che vendi bobine che secondo me sono esageratamente care, se pensi che valgano ciò che costano, mandane un esemplare ad "olino.org".
      Sono indipendenti e tra le altre cose hanno la telecamera termica per test accurati. Sarò felice di ripubblicare i risultati del loro test qui.

      Ho già detto che si usano piste in rame economiche, ma il loro uso non diminuisce la vita delle bobine, ma provoca una illuminazione non uniforme e si deve ripetere l'alimentazione prima. Neppure le bobine che vengono vendute in Italia a 100euro possono essere collegate solo da un lato con caduta di tensione trascurabile.

      Le strisce con driver sono tutt'altra cosa, non confondiamo le idee a chi legge. In quel caso ci sono led più potenti (ad esempio i 3030 da 1w o addirittura dei led di potenza) alimentati singolarmente in corrente e si tratta quasi sempre di piccoli pezzi di striscia rigida e con adeguato dissipatore per applicazioni particolari. Questo articolo era su le strisce economiche che si vendono a 12v corrente continua, non altro.
      Ho accennato ai tubi a led solo perché spesso le strisce vengono usate adesso come alternativa economica ai tubi a led.

      La tecnologia flip chip come anche i led COB ci sono da anni, ma non vengono usate nelle normali strisce flessibili e non credo prenderanno mai piede. In queste strisce non si cerca una grandissima luminosità puntiforme, ma una luce distribuita, e quella fornita dalle strisce con tanti 3014 è sufficiente per la maggior parte degli usi.

      Elimina
  58. Molte grazie! Scusa per il link, non sapevo come altro farti vedere più o meno il tipo di lampada (tra l'altro link trovato al volo su google immagini, come hai letto non è il negozio che usai...). Così al volo: in cosa sono meglio i tubi led rispetto alle striscie? Di nuovo complimentoni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono un po' più efficienti perchè non hanno tutte quelle resistenze e sono controllati meglio.

      Elimina
  59. Salve Ippoliti, i miei complimenti per la completezza e competenza dell'articolo, malgrado la mia ignoranza al riguardo mi permetto di chiederle se può cortesemente in parole semplici, farmi capire come gestire i volt, ampere, watt, delle strisce a Led, o meglio se ad esempio volessi illuminare il retro della mia Smart tv, appiccicando 1,5 mt (90 Led) 3528 da 4.8w/mt debbo comunque per forza usare un alimentatore (che Lei consiglia) da 12v ( ampere non ricordo,) ? oppure per assurdo per ogni 30 led potrei costruirmi (cercarmi) l'alimentatore adatto ? piccola curiosità: un classico carica batteria per smartphone da 5v - 0.9A quanti Led (su citati) potrei accendere ? nell'attesa di un suo riscontro la ringrazio, cortesissimi saluti.
    Marco M

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1.5m di bobina con 60led/m di tipo 3528 dovrebbe consumarti 4.6W 0.38A. In quel caso ti basta un alimentatore molto piccolo... ad esempio uno di quelli da 12v 1A.
      Con il caricabatterie non accendi nulla perché 5v sono troppo pochi.

      Elimina
  60. grazie della celere risposta !! mi perdoni se approfitto della sua pazienza, se 60 led cioè un metro (3528) consuma 4.6W e 0.38A in tutto questo 4.6W sta per Watt ? se si,
    tra i watt e gli ampere che relazione cè con i volt ?

    cioè può esistere un alimentatore 4.6W 0.38A da 6volt piuttosto che 12volt o 24 volt ? insisto perchè vorrei poter capire la correlazione dei volt con i watt e gli ampere. cè qualcosa che mi manda in confusione,
    mi può dare uno spunto per cominciare a capirci qualcosa.
    grazie
    Marco M

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti mancano le basi di elettrotecnica. Inizia a leggere da qui: https://it.wikipedia.org/wiki/Voltampere e poi studiati tutto il resto prima di metterci mano. Magari fatti aiutare da qualcuno...

      Elimina
  61. Ciao Pietro,
    mi appresto a realizzare una cornice a soffitto con un profilo in gesso a bi-emissione che monta le due strip led da una parte e dall'altra ad una distanza di 10 cm dal soffitto con effetto di luce riflessa. Si tratta di un soggiorno cucina di 32mq in cui sono previsti dei faretti nelle zone di servizio (cucina) ma i led dovrebbero servire da illuminazione principale. Il totale delle strisce è di 50 metri. Credi siano sufficienti a garantirmi un'illuminazione adeguata? Le rgb hanno qualche controindicazione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da ciò che scrivi non si può dire molto. 10cm di distanza dal soffitto sono pochi. 50m per 32mq potrebbero essere molti. Le strisce RGB non sono indicate per una cucina ed il loro bianco non ha la stessa qualità/efficienza di una led bianco dedicato. Valuta i tubi a led che stanno diventando ormai sempre più economici e li puoi prendere a 4000°K certificati.

      Elimina
    2. ma i tubi led (per intenderci) sono simili a dei neon, giusto? Le strisce avrebbero la funzione di risaltare il disegno del soffitto..credi che sia possibile farlo anche con i tubi?

      Elimina
    3. mandami un'email con delle foto o disegni tecnici e ti saprò dire meglio

      Elimina
  62. Ciao, ho letto che i led sono connessi in serie. Per questione di spazio, se taglio l'ultimo della parte non connessa all'alimentatore, i due precedenti restano accesi?
    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, saranno spenti perché interrompi la serie.

      Elimina
  63. Buongiorno,
    2 anni fa ho installato nelle vetrine interne del mio negozio delle strisce led 3M da 14,4W WW, montate su profili di alluminio con del biadesivo sotto i vetri delle mensole. Il tutto alimentato a 12V con alimentatori di qualità. Già dopo pochi mesi si notava un calo di luminosità (funzionano 8 ore al giorno). Ora il calo è notevole, ma soprattutto non omogeneo. Vi sono delle zone ormai quasi buie: un disastro in pratica. Tra il resto avevo speso una notevole cifra.
    Il mio fornitore mi propone di sostituirle con strisce a 24V, ma ho il dubbio che risolverei poco in termini di durata. Lui dice che vanno meglio. Può essere vero? A 24V generano meno calore? Grazie per la risposta.
    Stefano Fosco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da come descrivi sembra che tu abbia preso una di quelle strisce 3014 WW Waterproof, e che tu abbia sperimentato in prima persona che spesso spendere di più in Italia per le strisce porta a comprare cose che sono di pessima qualità.
      Mandami in email una foto della striscia.
      Se hai l'impianto già a 12v, non conviene passare a 24v, il voltaggio di funzionamento non è indice di minore o maggiore qualità.
      Gli alimentatori regolabili 12V5A che spesso prendo non hanno mai dato problemi e costano pochi euro.

      Elimina
  64. Buongiorno sign. Pietro, ho letto con vivo interesse il suo articolo e sono stato colpito dalla sua praticità e competenza, quindi mi sono deciso a chiederle un consiglio: devo illuminare una stanza (salone) da 20 mq con strip LED e mi hanno proposto sia strip 5050 (bobina 5m) oppure strisce semi-rigide da 1m con LED 4014, considerando che le strip saranno la fonte principale di luce, cosa mi può consigliare come buon compromesso tra luminosità e affidabilità? oltre i led a me proposti, mi può consigliare qualche altra cosa lei? Grazie e complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo consiglio è quello di non rivolgerti a chi ti ha consigliato le strisce con led 5050 come luce principale. I led 4014 sono simili ai 3014 ma permettono di montare anche i chip più potenti da 0.5w, e di solito nelle barre rigide più costose vengono montati quelli.
      Dipende dal tuo caso particolare, se ho capito bene (veletta lungo il perimetro), in situazioni simili alle tue ho messo o delle buone 3014 120led/m o i tubi a led.

      Elimina
  65. Veramente grandiosa come spiegazione, ma nonostante tutto mi stanno facendo uscire pazzo questi led.
    Dovrei costruire un led panel per uso video e non capisco perchè quelli in commercio ad uso professionale, sono fatti con i diodi led. Sono andato a vedere ma i diodi led sono di basso wattaggio, a meno che non si usano quelli da 1w, ma quanto poi scaldano? Dovrei metterci le ventole che creerebbero rumore, come posso fare? Vorrei prima provare a farne una con le strip 3014 da te consigliate, ma non so effettivamente che tipo di luce avrei ad una distanza di 3-5 metri e lo sfarfallio che farebbe. Ho veramente bisogno di un aiuto. Confido nella tua saggezza e nella tua gentilezza. Grazie in anticipo.

    Ecco un immagine di riferimento.
    http://i01.i.aliimg.com/wsphoto/v0/1394082805_1/2014-Top-Fasion-New-Led1800-Panel-font-b-Light-b-font-Dimmable-Daylight-1800-font-b.jpg

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per video o foto di buona qualità devi prendere del led di potenza con CRI 90, alimentarli adeguatamente e metterli su un pannello di alluminio alettato per dissiparne il calore. Anche realizzandolo tu, il costo è elevato. Se invece vuoi una soluzione approssimativa per fare delle prove allora va bene anche un pannello da 1x1m con attaccati sopra 5 pezzi di una bobina da 5m di 3014... non di più perchè avrai problemi di dissipazione termica

      Elimina
    2. Un'altra cosa, oltre ai 3014, anche i 2835 hanno un loro dissipatore?
      Per quelli con CRI 90, che strip led sono? 5630?
      Poi questi led hanno 120° di emissione luce, mentre i diodi led intorno ai 90° quindi hanno un fascio più diretto. Vorrei provare a farne uno con le strip led e uno con i diodi. Tu cosa ne pensi? Grazie infinite.

      Elimina
    3. Si, anche i led nel formato 2835 hanno un piccolo dissipatore anche se funziona poco.
      Con diodi led immagino che tu ti riferisci al formato classico dei led da segnalazione, quelli non sono adatti e NON sono usati nel pannello che avevi fatto vedere prima. Strisce con CRI 90 si trovano di solito nei formati 3014 e 3020, ma sono costose ed in ogni caso non adatte a fare riprese video o foto di buona qualità perchè nessuno ti garantisce una certa temperatura colore lungo tutta la striscia.
      Non so a cosa ti serva esattamente, ma di solito nelle riprese video una luce concentrata è da evitare, ed avere 3-4 sorgenti quasi puntiformi come pensavi di fare credo sia quasi ingestibile (ombre multiple fastidiose, etc...).
      Se vuoi fare esperimenti guardati i datasheet dei principali produttori e scegli dei led con CRI almeno 90 e temperatura 4-5000K. Ad esempio luxeon L130-4090001400001. Ovviamente devi progettare bene il tutto.

      Elimina
    4. Perdonami se abuso ancora della tua pazienza. Io ho un pannellino led di quelli per le reflex, e sono fatti con i diodi led, è qua che nn capisco. Tu mi hai detto che nella foto nn sono quelli, e cosa sono? In realtà sto facendo delle prove e volevo provare ad usare anche i led da 50 watt per creare dei faretti.

      Elimina
    5. Prima hai inserito la foto di un pannello da 1400$ fatto con una griglia di led di potenza. La foto non era molto chiara dei led e forse ti sono sembrati simili a quelli presenti negli illuminatori che costano meno di un decimo, ad esempio lo Yongnuo YN160.
      Sono andato a recuperare il primo esperimento che ho fatto con i led bianchi da 3mm (un illuminatore macro da poco più di 4W:
      https://s13.postimg.org/5owvzmjk7/flashled_1.jpg
      https://s13.postimg.org/qn31xpjev/flashled_2.jpg
      https://s13.postimg.org/6tqy50613/flashled_3.jpg
      ma l'ho fatto 10 anni fa... ormai i led in quel formato li usano solo per progetti estremamente economici, in cui la qualità passa in secondo piano. Se cerchi una cosa del genere mandami un'email e ti indico delle cose già pronte che non ha senso perderci tempo a saldare i vari led.

      Elimina
  66. Buongiorno Pietro, vorrei chiederti un parere. Ho messo delle strip led 3014, larghezza 5mm, 120 led/m sotto ai pensili della cucina, poiché dalla tua recensione bo pensato fossero il miglior compromesso. In effetti la luce dei natural white è perfetta, di gran lunga superiore alle strip provate in precedenza. Il problema è che scaldano abbastanza. Ho messo 6 spezzoni da 30 cm, 2 per ogni pensile da illuminare. Alimentate a 11.5 V tramite alimentatore 5A regolabile e facevano luce a giorno. Abbassato a 10.5, ancora molta luce, ma continua a scaldare, fin dentro ai pensili, in uno dei quali tengo le spezie, quindi vorrei ridurre il calore. Ho messo le strip su una lama di alluminio, a sua volta incollata sulla base del pensile, però dopo 15 minuti circa il calore arriva lo stesso. Hai qualche suggerimento? Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai messo due strisce parallele ed una vicina all'altra? In quel caso certo che hai troppa luce e scaldano, togliene una o se puoi alimentale a tensione più bassa o prendi un dimmer. Se invece ne hai solo una a 10.5V dovrebbe essere solo tiepida, è molto strano che riesca a scaldarti fin dentro il pensile.

      Elimina
    2. sì, ho messo 2 spezzoni affiancati, su un pensile sì e uno no (in pratica sui pensili 1-3-5 di una composizione a 5 pensili). negli altri 2 non posso metterli, perché ho lo scolapiatti e la cappa. se metto una strip sola, non mi fa una bella luce, come con 2. adesso ho abbassato la tensione a 9,5 e mi sembra che scaldi molto meno, anche se ovviamente fa meno luce, ma ancora accettabile.
      ps: i led sono posizionati nell'incasso presente nella base del pensile (dove c'era la luce alogena di serie, che scaldava come un forno!), quindi lo spessore di legno in quella zona si riduce a circa 3 mm.

      Elimina
  67. Buongiorno, complimenti per il blog, devo sostituire delle strisce della Nobile installate in una veletta di cartongesso perché il colore non mi piace, sono "certificate" colore 3000 k e vista anche la spesa la delusione è stata forte in quanto la resa non mi è mai piaciuta ( installate due anni fa e consigliato da presunto " esperto" quando ho richiesto luci calde dopo mi sono informato un pochino e avrei dovuto scegliere una temperatura colore più bassa ). ah dimenticavo sono strisce led 5050 due strisce parallele da circa 3 m

    RispondiElimina
    Risposte
    1. forse dovresti farti controllare la temperatura colore effettiva delle strisce. Mi sembra strano che delle strisce realmente a 3000°K vengano percepite come luce troppo fredda. Purtroppo ho notato che a volte strisce certificate per un certo colore in realtà non lo sono. Al momento se vuoi essere sicuro della temperatura colore conviene rivolgerti ai tubi a led di buona qualità. In ogni caso ti consiglio 3-4000°K e con CRI>80 tranne ambienti particolari.

      Elimina
  68. È sempre una sorpresa trovare qualcuno che risponde in modo disinteressato! Grazie!
    Per delle strisce da atmosfera come luce di contorno non sarebbe meglio prendere un colore più sul giallo, più rilassanti ? La stanza ha le pareti grigie ed è fredda già di suo. Servirebbero strisce led 2800-2850 ° K ? Sbaglio? Le mie conoscenze di illuminotecnica sono assai limitate.
    Veramente esiste un modo casalingo per certificare queste luci?��
    Mettendo dei tubi led non si vede lo stacco da un tubo e quello contiguo ? Scusa per le troppe domande ma online c'è offerta a iosa ma capire cosa vale o meno è quasi impossibile. Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certificare i lumen prodotti ed il CRI effettivo è alla portata di pochi (vedi i test di olino.org ad esempio), ma per solo un'indicazione della temperatura colore ti basta un fotografo decente.
      2800°K è il colore delle lampadine ad incandescenza tradizionali ma la differenza rispetto ai 3000°K non è moltissima e non può essere quella a darti una forte delusione per la resa... magari mandami un'email con qualche foto per capire meglio cosa vorresti ottenere.

      Elimina
  69. Ciao Pietro,

    Grazie per l'estaustivo articolo sulle striscie led!

    Ho comprato 5mt di striscia sul web (SMD 3528) ma quando mi è arrivata mi sono accorto che era senza alimentatore, ho pagato il tutto 8€ e mi chiedevo come potessi procurarmi un alimentatore a prezzi contenuti? Forse si puo usare un adattatore USB tipo cellulare? Se si dove compro il cavetto USB-t0-LED? Alla fine della striscia ho solo due fili rosso e nero....

    Grazie mille!

    AL

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino avrai preso delle strisce a 12v, quindi ti serve un alimentatore a 12v corrente continua. Per i consumi prendi come riferimento i dati della striscia 5050 ricordandoti che un led 3528 consuma un terzo. Alla fine dell'articolo trovi un link con le ricerche ebay per gli alimentatori.
      Ti ricordo che le prese USB sono a 5V, quindi non vanno bene.

      Elimina
  70. Salve Pietro,
    prima di tutto grazie per questo post, in giro non ne esiste uno più completo di questo. L'ho letto diversi anni fa, purtroppo però 10 minuti dopo aver acquistato 4 metri di 5050.
    Oggi, dopo tanti anni, è ora di sostituirli e ho acquistato 10 metri di 3014.
    Però avrei un paio di domande e, se avesse il tempo di rispondermi, magari riesco pure a montarli.
    Prima di tutto sembrerebbe che siano alimentati direttamente con la 220, è possibile?
    Hanno solo uno scatolotto frapposto tra la spina e il plag, ma credo sia solo un raddrizzatore di corrente.
    Stando così le cose dovrei modificare tutto l'impianto(cablaggi e interruttori delle ante dei pensili), oppure c'è un sistema per farli lavorare a 12 volt?
    In ogni caso ancora grazie.
    Fabio P.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti sconsiglio di usare quelli a 220v, non è conveniente adattarli ad avere in ingresso 12v ed inoltre di solito quei led hanno un basso CRI. Puoi provare ad usarli e vedere come ti trovi, ma di solito sono pensate per i giardini esterni.

      Elimina
  71. Buongiorno,

    ho letto con interesse il blog ma resto dubbioso sul tipo di connessione e led rgb che dovrei acquistare.
    Attualmente ho già gettato dalle finestra almeno 50€ in due strisce led rgb 5050 da 60led metro che ho provato a giuntare per arrivare a 7,30m (contorno del mio schermo da proiezione): il colore non é uniforme e il telecomando ir é morto alla terza utilizzazione lasciando solo il colore verde fisso.
    Vorrei cambiare tutto (e lasciare solo la buona alimentazione 12v 8A) ma non so quale kit rgb mi permette di arrivare a questa lunghezza e che sia affidabile.

    Grazie in anticipo per i consigli eventuali.

    Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai collegato oltre 7m di striscia a 12v alimentandola solo da un lato? In questa pagina ho scritto più volte che il valore limite per le strisce da 12v è di 1.5m poi noti variazione della luminosità (e nel caso di RGB si possono notare anche variazioni del colore). Con le strisce a 24v raddoppia la lunghezza.
      Mandami un'email con qualche foto di ciò che hai preso e ti rispondo meglio.

      Elimina

English: Feel free to write a comment in your own language! Remember: you have to log-in before start writing.
Italiano: Sentitevi liberi di scrivere un commento nella vostra lingua! Ricordate: dovete effettuare log-in prima di iniziare a scrivere.